Forlì. Gabbie, fucili e animali imbalsamati illegali: arrestato cacciatore

Forlì. Gabbie, fucili e animali imbalsamati illegali: arrestato cacciatore

Forlì. Gabbie, fucili e animali imbalsamati illegali: arrestato cacciatore

FORLI' - Armi non denunciate, arnesi per la caccia illegali e gabbie-trappole per la cattura di animali: è quanto hanno trovato gli uomini della Forestale nella disponibilità di un cacciatore, che è stato arrestato. E' l'esito di un ampio controllo del territorio, che ha impegnato i Comandi Stazione di Forlì, Predappio e Civitella di Romagna, congiuntamente al personale del Nucleo Investigativo Provinciale di Polizia Ambientale e Forestale del Comando Provinciale.


> LE FOTO

 

In particolare durante una perlustrazione a piedi in area rurale del Comune di Forlì allo scopo di verificare l'attendibilità di alcune segnalazioni pervenute, il personale a piedi notava la presenza di una gabbia-trappola di fattura artigianale, collocata ai margini di un boschetto, aperta ed atta alla cattura.

 

Continuando la perlustrazione la pattuglia ha rinvenuto la presenza di una seconda gabbia-trappola, anch'essa caricata e funzionante, ed un laccio per la cattura illegale di fauna selvatica (in particolare Tassi, Volpi, Istrici, Caprioli, ecc.), costituito da cavo metallico con cappio scorrevole annodato, fissato ad un supporto.

 

Individuato il proprietario il personale ha proceduto nella perquisizione della abitazione e relativi proservizi nei territori dei comuni di Forlì e Meldola, dalla quale sono emersi: fauna selvatica viva detenuta senza la necessaria autorizzazione provinciale, un fucile palesemente incustodito, altri due fucili risultati senza denuncia all'Autorità, oltre ad 11 esemplari di fauna selvatica imbalsamati di specie protette e particolarmente protette (Poiana, Rigogolo, Gheppio, Picchio verde, Tasso, Capriolo, Scoiattoli, Faina), detenute in assenza di documentazione attestante l'origine lecita degli stessi e quindi presumibilmente catturati ed abbattuti illecitamente.

 

Tutto il materiale illegale è stato sequestrato. Dopo aver comunicato i fatti accertati al Pubblico Ministero, Filippo Santangelo, la pattuglia ha proceduto all'arresto dell'uomo che dovrà rispondere della detenzione di armi da sparo non denunciate all'Autorità di P.S., di esercizio della caccia in periodo di chiusura e con mezzi non consentiti oltre che dell'abbattimento e detenzione di esemplari di fauna selvatica non cacciabile e particolarmente protetta.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -