Forlì: Giorgio Lombardi dà le dimissioni da presidente della Fiera

Forlì: Giorgio Lombardi dà le dimissioni da presidente della Fiera

Forlì: Giorgio Lombardi dà le dimissioni da presidente della Fiera

FORLI' - Dopo le polemiche suscitate dalle dichiarazioni sulla dubbia trasparenza in sede alle Primarie del Pd, il presidente della Fiera, Giorgio Lombardi annuncia le sue dimissioni. "Questo tipo di situazione, che mi ha sovraesposto - dichiara - non si correla con il mio ruolo di presidente. Devo scindere i due ambiti per correttezza nei confronti della Fiera". Le dimissioni saranno presentate durante il consiglio d'amministrazione convocato per il 15 gennaio.

 

"Si è trattato di una sovraesposizione inadeguata - continua Lombardi, che dopo 13 mesi di presidenza ha deciso di lasciare il posto - per molti sono beneficiario di interessi economici: così dimostro il loro errore e porto avanti la mia battaglia politica, guardando alla sostanza, non impiccandomi in regole sbagliate".

 

"Per la Fiera ci sono altre risorse capaci - spiega - mi sento orgoglioso del lavoro fatto, delle cose importanti impostate, come il progetto del più grosso impianto di energia rinnovabile della città, del piano di valorizzazione pubblicitaria, in accordo con il Comune di Forlì e società private, dell'accordo con lo lo sponsor per il Palafiera, ormai vicino".

Il presidente ha comunque dato la sua disponibilità alla Fiera fino a metà febbraio.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chiara Fabbri

Commenti (9)

  • Avatar anonimo di innominato
    innominato

    ma a forli ce niente che non sia in mano a un dirigente pd . che secondo me piu che un partito e un comitato Per far affari

  • Avatar anonimo di livio76
    livio76

    Caro Brenno, ma non ti sei accorto che a presiedere i vari enti o società sono solo i PARTITI a dividersi le torte? Quindi non meravigliarti delle dimissioni del Sig Lombardi che non le ha date Lui, ma il PD per ordine da Roma. Forse mi sbaglio, tuttavia......... Per la seconda lista del PD, mi pare improbabile possa accadere: vorrebbe dire di certo perdere il Sindaco. Saluti.

  • Avatar anonimo di Brenno
    Brenno

    è un po triste vedere come un dirigente di un ente si dimetta non per ragioni strettamente legate al suo incarico o al suo lavoro, ma per questioni politiche....segno che dalle nostre parti la politica la fa da padrona nelle nomine ed influisce in troppi settori esterni. detto questo io ste dimissioni le vedo come una volontà di scendere in gara alle amministrative con una seconda lista di centro sinistra...vedremo...

  • Avatar anonimo di democratico
    democratico

    Più che una minaccia potrebbe essere una opportunità. Ciò premesso il Sig Lombardi da buon politico cambia le carte in tavola. gli attacchi sono al "dirigente" politico del PD. Il fatto che in quanto tale sia stato eletto Presidente della Fiera è collaterale allo status politico e non hai meriti maturatii sul campo. Buon altro lavoro non derivante da legami politici

  • Avatar anonimo di d_a_v_i_d_e
    d_a_v_i_d_e

    Se fosse stato zitto sul caso Balzani sarebbe tranquillamente al suo posto... rimanendo pur sempre uno di quel partito.. mah! Vediamo chi metterannno al suo posto.

  • Avatar anonimo di scipione
    scipione

    chapeau, un gesto coraggioso, così nessuno potrà accusarlo di voler difendere la poltrona, qualche assessore dovrebbe prendere lezioni da Lombardi.

  • Avatar anonimo di Roberto S
    Roberto S

    Sono certo che il Sig. Lombardi sia un Galantuomo e le sue dimissioni, immagino sofferte, ne sono prova evidente, anche se in effetti le polemiche politiche recenti non hanno nulla a che fare con l'attività dell'Ente fiera. Il problema di fondo e di riflessione è il fatto che l'occupazione indiscriminata dei partiti (o meglio dei tesserati) ai posti fondamentali per l'attuazione delle politiche pubbliche è il vero problema della Politica italiana (localmente lo avvertiamo maggiormente e direttamente). Credo che si dovrebbe attuare la separazione netta fra la dirigenza politica, gli amministratori pubblici(sindaco e assessori) ed i Dirigenti di Enti pubblico-privati. Per liberare il campo da qualsiasi illazione e cattivo pensiero si dovrebbe trovare il sistema affinchè l'occupazione politica non fosse praticabile o almeno venisse resa molto più difficile... ad esempio dovrebbe essere impossibile per chiunque ricoprire cariche in enti pubblici a tutte le persone che hanno rivestito incarichi di responsabilità all'interno dei partiti e/o amministrazioni pubbliche negli ultimi 10 anni... oppure devrebbe essere assolutamente necessario dare prova di avere le conoscenze specifiche e tecniche nel settore dove si è chiamati a rivestire un ruolo importante... Le regole si potrebbero fare in breve tempo... il vero problema è quello della volontà! Spero che qualche responsabile dei partiti locali anche di opposizione esprimesse il proprio parere in merito...

  • Avatar anonimo di Davide1
    Davide1

    Secondo me ha le idee confuse. Cosa c'entra la vicenda delle primarie del PD con la Fiera? E' vero che lui è un dirigente del PD e il presidente della Fiera ma mi è parso che le critiche che gli sono arrivate riguardavano le sue dichiarazioni come dirigente del PD. Mha questo Lombardi oltre a non condividire le sue idee non lo capisco. Secondo me un pò di riposo gli può fare solo bene!

  • Avatar anonimo di sefossi
    sefossi

    Vale la pena commentare? E' sicuramente un gesto inusuale ed una dimostrazione di coerenza..... vediamo se avrà imitatori. Forlì ne avrebbe veramente un gran bisogno.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -