Forlì, giornata dedicata agli infermieri del futuro

Forlì, giornata dedicata agli infermieri del futuro

FORLI' - Un'intera giornata dedicata alle nuove leve della professione infermieristica. Venerdì 29 ottobre, all'ospedale "Morgagni-Pierantoni" di Forlì, in sala Pieratelli, i protagonisti saranno ragazzi e ragazze che hanno deciso d'intraprendere questa strada.

 

Si partirà alle 9.00 con la discussione delle tesi di laurea dei 23 studenti della prima edizione del Master Universitario di I° livello  "Infermieristica in Oncologia". Alle 14.30, invece, si terrà la cerimonia inaugurale del Corso di Laurea triennale in Infermieristica, sede di Forlì, e del Master Universitario di I° livello "Percorsi clinici e di ricerca nell'infermieristica oncologica". A dare il benvenuto ai nuovi iscritti saranno i massimi rappresentanti delle istituzioni accademiche: il prof. Sergio Stefoni, preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università di Bologna, il prof. Gaetano La Manna, Direttore del Master, il prof. Bruno Barbiroli, presidente del Corso di Laurea in Infermieristica 2009-2010, e il suo successore prof. Gianandrea Pasquinelli. Interverranno, inoltre, Roberto Balzani, sindaco di Forlì, la dott.ssa Licia Petropulacos, Direttore generale dell'Ausl di Forlì ed il prof. Dino Amadori, direttore scientifico dell'Irst.

 

Ormai da diversi anni, l'Azienda Usl di Forlì, grazie alla particolare sensibilità mostrata dall'Università di Bologna, ha scelto di investire nella formazione infermieristica. Testimonianza ne sono, appunto, il varo nel 2008 della prima edizione del Master in "Infermieristica in oncologica" e l'aumento dei posti del Corso di Laurea in Infermieristica, oggi 60.

 

«L'investimento nella formazione di base e post-base rappresenta un valore importante per l'organizzazione sanitaria, indispensabile al fine di garantire servizi sempre più qualificati sia in ambito ospedaliero che territoriale. - illustra il direttore del Servizio Infermieristico e Tecnico dell'Ausl di Forlì Silvia Mambelli - I bisogni di salute espressi dai cittadini, sempre più complessi e di tipo cronico, richiedono risposte efficaci. La preparazione di operatori con competenze di base e avanzate, quindi, è un presupposto fondamentale per il futuro di questa professione che, come avviene già da molti anni nei paesi anglosassoni, in particolare nel Regno Unito, riceve ampio riconoscimento professionale, sociale e contrattuale».

 

Oggi più che mai, proprio la professione infermieristica intende valorizzare il paradigma assistenziale strutturato sulla centralità della persona e dei suoi bisogni, nei processi di cura e di assistenza, in un contesto di crescente complessità e criticità organizzativa. «La sfida che la formazione universitaria infermieristica in questi anni si è posta - commenta la dott.ssa Sandra Montalti, coordinatore tecnico-pratico del Corso di Laurea - è quella di affrontare questi nuovi scenari attraverso il consolidamento del percorso di base e lo sviluppo formativo quale ideale completamento e preziosa acquisizione di competenze professionali avanzate».     

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -