Forlì, giro di usura: il Comune incamera gli immobili confiscati

Forlì, giro di usura: il Comune incamera gli immobili confiscati

Forlì, giro di usura: il Comune incamera gli immobili confiscati

FORLI' - Confiscato perché il frutto di un vecchio giro di usura, risalente a 15-20 anni fa: il Comune di Forlì ha incamerato dall'Agenzia del Demanio una serie di immobili sottratti al loro vecchio proprietario per effetto di una condanna definitiva, ma ha poco tempo per recepirli. Infatti, se entro luglio non ci sarà un cambio di destinazione d'uso per adibirli ad attività sociali ed istituzionali, dall'attuale destinazione produttiva, il trasferimento decadrà. Per questo una delibera urgente concederà un veloce cambio urbanistico della struttura.

 

E' quanto è stato presentato dal vice-sindaco Giancarlo Biserna, responsabile anche per i Lavori pubblici, ai consiglieri riuniti questo pomeriggio per la seconda commissione consigliare. Gli immobili si trovano in viale dell'Appennino e consistono in una serie di edifici nella stessa area adiacente al fiume Rabbi. Al Comune arriva così un ex laboratorio artigianale da 570 metri quadri, un appartamento da 158, e due magazzini da 535 e 340 metri quadri.

 

circa 1.500 metri quadri coperti, ma piuttosto degradati, che il Comune intende utilizzare per depositi, archivi e uffici. Ma la parte più grossa è un podere da 68 mila metri quadri che, spiega Biserna, "sarà sicuramente dato a bando a qualche associazione o cooperativa sociale per essere coltivato", replicando così il modello dell'utilizzo a fini sociali dei terreni sottratti alla criminalità.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -