Forlì: giro di vite sull'assenteismo dei consiglieri

Forlì: giro di vite sull'assenteismo dei consiglieri

Forlì: giro di vite sull'assenteismo dei consiglieri

FORLI' - Giro di vite sull'assenteismo dei consiglieri comunali: gli eletti in Consiglio comunale non potranno più arrivare, fare presenza per pochi minuti ed andarsene per prendere il gettone di presenza (circa 40 euro). In verità, il fenomeno dell'assenteismo nel Consiglio forlivese non è molto rilevante, ma nella revisione dello Statuto è stata comunque approvata la proposta di mettere la soglia minima del 40% di tempo di presenza per avere diritto al beneficio del gettone.

 

Gettoni di presenza e redditi. "Non è demagogia- premette il presidente del Consiglio comunale Luciano Minghini-, il gettone di presenza che si dà a Forlì è il più basso dei Comuni di pari dimensioni". Nel pacchetto di revisione dello Statuto comunale, approvato lunedì in Consiglio, è stata eliminata anche la possibilità per i consiglieri di negare la pubblicazione dei redditi, che saranno pubblici e inseriti nell'albo pretorio.

 

Piccoli gruppi consigliari. Inoltre, nessun colpo di mano, come inizialmente temevano i piccoli gruppi consiliari, nella stessa revisione dello Statuto comunale. Nelle ipotesi iniziali c'era anche l'accorpamento dei cosiddetti mono-gruppi (gruppi composti da un solo consigliere) in un unico gruppo misto. Nel Consiglio comunale di Forlì sono oggi "mono-gruppi" Verdi, Pri, Am-Pdl, Rifondazione comunista, Rosa Bianca e ‘Nuova Romagna', con quest'ipotesi avrebbero rischiato la cancellazione come gruppo autonomo.

 

"Cambi di casacca". Invece, nella versione definitiva del testo sarà fatta salva la rappresentanza e l'autonomia dei piccoli partiti che alle urne ottengono almeno un seggio. Ma, nel corso della legislatura, il consigliere che vorrà abbandonare un gruppo consigliare potrà o aggregarsi ad un gruppo già formato, oppure formarne uno nuovo solo se sono almeno tre i consiglieri che decidono di andarsene. Per tutti gli altri, si formerà un unico "gruppo misto", che metterà assieme eventuali "transfughi" sia di opposizione che di maggioranza.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Referendum comunali. Infine, arrivano nuove regole per i referendum comunali. Per presentarli non saranno più necessarie 5.000 firme, ma "solo" 3.000. Ai soli referendum consultivi potranno anche votare gli immigrati extracomunitari residenti nel Comune di Forlì da un anno. La votazione del nuovo Statuto è passata quasi all'unanimità, lunedì pomeriggio in Consiglio comunale (non ha votato a favore Francesco Aprigliano di Am-Pdl).

Commenti (4)

  • Avatar anonimo di lolle
    lolle

    caro Alessandro ronchi,io sono una dipendente comunale......

  • Avatar anonimo di Paolo1
    Paolo1

    Ci sarebbe da aprire un capitolo a parte sui permessi sosta che vengono dati ai consiglieri. Trovo che sarebbe giusto che dessero il buon esempio ed usassero anche loro i mostri mezzi pubblici per andare al lavoro. Senza contare che molti alti esponenti (PD e PDL) utilizzano il permesso anche per raggiungere i loro luoghi di lavoro nel cuore di forlì in giorni differenti da quelli del consiglio. Un appunto alla redazione, era stato detto più volte che non erano permessi i link a siti esterni nei commenti. Rilevo invece che col consigliere Ronchi si chiude un occhio

  • Avatar anonimo di Alessandro Ronchi
    Alessandro Ronchi

    Caro Lolle, fare il consigliere comunale è un servizio, non certo un privilegio. I gettoni di presenza del nostro comune sono tra i più bassi d'Italia, per comuni di pari importanza, e credo che non sia nemmeno un merito. Possiamo anche togliere completamente i rimborsi ed i gettoni di presenza, ma dobbiamo sapere quali sarebbero le conseguenze: un impoverimento della qualità del consiglio, la possibilità di partecipare solo per i ricchi ed i pensionati. Già oggi, ad esempio, per i giovani con un contratto a progetto è materialmente impossibile, perché al contrario di chi è dipendente non hanno i permessi del datore di lavoro. Il dibattito per l'approvazione del nuovo regolamento e dello statuto è stato lungo e complesso, noi abbiamo protestato molto su alcuni aspetti che sono stati sanati ed ottenuto importanti cambiamenti che ci hanno portato a sostenere la nuova versione. Ho scritto qualche considerazione sul merito qui: https://www.alessandroronchi.net/2009/nuovo-regolamento-statuto-comunale/

  • Avatar anonimo di lolle
    lolle

    Ma sono stati eletti per governare la citta' o per prendere i gettoni di presenza?

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -