Forlì, gli 'Stati generali' dell'economia: 11 organizzazioni d'impresa assieme per lo sviluppo

Forlì, gli 'Stati generali' dell'economia: 11 organizzazioni d'impresa assieme per lo sviluppo

Forlì, gli 'Stati generali' dell'economia: 11 organizzazioni d'impresa assieme per lo sviluppo

FORLI' - Tutte le organizzazioni d'impresa del territorio, ben undici, vogliono parlare "una sola voce per l'economia": è il titolo dell'iniziativa che ha portato Agci, Cna, Confapi, Federimpresa-Confartigianato, Confcommercio Forlì, Confcommercio Cesena, Confcooperative, Confesercenti Forlì, Confesercenti Cesena, Confindustria e Legacoop a stendere un manifesto unitario per la ripresa economica, che sarà presentato lunedì 28 giugno alla sala convegni della fiera di Forlì.

 

Le organizzazioni della rappresentanza delle imprese non chiederanno agli enti pubblici soldi che non ci sono, precisano gli organizzatori, ma presenteranno un decalogo che verrà sottoposto ad enti locali e istituti di credito per un'azione energica contro la crisi. Provvedimenti locali, che rientrano nelle competenze degli enti e delle banche territoriali, ma anche argomenti su cui costituire gruppi di pressione e avanzare richieste a Roma. Monica Fantini, direttrice di Legacoop e coordinatrice del gruppo di organizzazioni parla di "manifesta maturità delle associazioni presenti sul territorio", capaci di "mettersi assieme per parlare una sola voce per lo sviluppo".

 

Il decalogo, che sarà presentato nel dettaglio in questi 'Stati generali' dell'economia provinciale, toccherà i temi dell'occupazione, del credito, degli appalti e utilizzo delle risorse pubbliche. Alle banche l'invito di Fantini è di "far diventare credibili le politiche che propongono, perché le imprese non riescono a ripartire". Proprio gli istituti di credito, d'altra parte, sono i soggetti maggiormente sotto accusa: "Il rapporto con loro è tornato corretto- ammette Stefano Bernacci, segretario della Confartigianato, ma ora devono giocare un ruolo strategico per la ripresa".

 

Più duro Giancarlo Corzani, direttore della Confesercenti Forlì: "Le piccole imprese non si leggono dal loro bilancio e con la straordinaria richiesta di liquidità che c'è adesso, non è possibile che ormai ogni finanziamento sia coperto dai consorzi di garanzia, da questo punto di vista le banche non stanno facendo bene il loro lavoro". Franco Napolitano, direttore di Cna provinciale, punta sui temi di "semplificazione e sburocratizzazione, su cui le istituzioni hanno tutte le leve per agire".

 

Un altro 'no' netto arriva sugli appalti al massimo ribasso che "hanno creato guasti e messo in difficoltà le nostre imprese, che hanno occupazione legale e di qualità", sempre Corzani. Infine Aurelio Cicognani di Confindustria chiede che "si capisca che oggi solo l'economia privata è il motore dello sviluppo e se si ridiscute di diritti che sembravano garantiti nel pubblico è perché c'è meno ricchezza nel privato".

 

Sul fronte della crisi, a Forlì-Cesena nei primi tre mesi del 2010 si contano più di 27 mila disoccupati (+17,7%) e 3.240 iscritti alle liste di mobilità, mentre migliaia di lavoratori hanno dovuto fare ricorso agli ammortizzatori sociali. Gli "stati generali" si apriranno alle 9 alla sala congressi della Fiera di Forlì lunedì 28 giugno con la presentazione del manifesto unitario. Le conclusioni spetteranno al presidente della Camera di Commercio, Alberto Zambianchi.

Commenti (7)

  • Avatar anonimo di J. Dorian
    J. Dorian

    Lepidus, il discorso è un poco più complesso ... Non critico i vantaggi fiscali delle coop, critico però il fatto che in molte di esse il "cooperatore" sia schiavizzato peggio del dipendente in una impresa normale. Spesso lo schema della cooperativa viene proprio usato per aggirare molte delle garanzie dei lavoratori, tutto qui ...

  • Avatar anonimo di Lepidus
    Lepidus

    Wow, questi sì che sono privilegi... ecco perché c'è la fila delle SPA a trasformarsi in cooperative...

  • Avatar anonimo di J. Dorian
    J. Dorian

    Privilegi ? La detassazione del reddito ottenuto nel caso di cooperative a mutualità prevalente, delle somme destinate a riserva e così via. In parte Passatore ha ragione, le cooperative sono fortemente agevolate e sono molto più forti di una impresa che svolge la stessa attività. Però non parlerei di "privilegio", è una loro caratteristica naturale, direi quasi sacrosanta se fossero vere cooperative.

  • Avatar anonimo di bruno
    bruno

    Passatore, elencaci gli sconti e le agevolazioni delle cooperative, che se conviene facciamo subito una cooperativa anche noi.

  • Avatar anonimo di Lepidus
    Lepidus

    Oh Passatore, ma sei buono di leggere? Ti risulta che in Confindustria ci siano le cooperative? E poi me li diresti quali sono tutti questi privilegi? Coraggio, dimostraci che non è la solita propaganda del menga. Oppure passa, passa... che ti viene meglio

  • Avatar anonimo di Cassandra
    Cassandra

    @ passatore ci faccia degli esempi concreti di esenzioni delle cooperative ciosì li capiamo tutti , diversamente sembra solo propaganda o la riproposizione di luoghi comuni.

  • Avatar anonimo di passatore
    passatore

    Sarebbe bene che le Cooperative cominciassero a pagare più tasse visto che godono di sconti e agevolazioni che le imprese private manco se le sognano...altro che lamentarsi!

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -