Forlì, Hera. Pasini (Udc): vergognoso comportamento di Hera

Forlì, Hera. Pasini (Udc): vergognoso comportamento di Hera

"Sono costernato ed amareggiato da quanto apprendo da alcuni concittadini e dagli organi di stampa locale in merito ai sacrosanti rimborsi che Hera deve garantire sulle tariffe rifiuti (T.I.A.), per gli importi IVA e che, al contrario, nega di dover liquidare": questo il commento a caldo del Segretario Provinciale UDC e consigliere comunale Andrea Pasini, su una questione, quella dei rimborsi IVA sulle tariffe rifiuti, che, in quanto tributi, sono totalmente esenti IVA, come già disposto dalla Corte Costituzionale con sentenza n. 238 del 24/07/2009 e dalla Corte di Cassazione negli anni 2006, 2007 e 2008.

 

Hera, al contrario, ha addebitato a suo tempo l'Iva su questi servizi e invita i propri utenti, tramite la bolletta, a non presentare domande di rimborso, in quanto al momento non possono essere prese in considerazione, giustificandosi di essere in attesa di decisioni formali da parte del Legislatore.

 

"E' un furto bello e buono - tuona Pasini - un abuso grave da parte di un gruppo di potere, che in regime di monopolio, fa il bello ed il cattivo tempo: l'Amministrazione Comunale, per il ruolo che ricopre in Hera, ha il dovere di ribellarsi a questo vergognoso atteggiamento e mettere in campo con estrema urgenza azioni forti e decise per invertire la tendenza e restituire al più presto ai cittadini forlivesi il maltolto".

 

La spinosa vicenda è anche oggetto di una "question time" che lo stesso Pasini ha inviato in data odierna al Sindaco di Forlì Roberto Balzani, per richiedere un intervento repentino e risolutivo dell'amministrazione sulla questione.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -