Forlì, i malati di Alzheimer e Parkinson saranno meno soli

Forlì, i malati di Alzheimer e Parkinson saranno meno soli

Forlì, i malati di Alzheimer e Parkinson saranno meno soli

FORLI' - Il connubio fra "Rete magica" e istituzioni locali da oggi ha tutti i crismi dell'ufficialità. Lunedì mattina, in Comune, è stato siglato un protocollo d'intesa per formalizzare la collaborazione, in atto già da alcuni anni, fra Comune, Azienda Usl, Provincia di Forlì-Cesena, Ordine dei Medici di Forlì-Cesena, e l'associazione. Obiettivo dell'accordo è estendere ulteriormente gli interventi di sostegno e prevenzione nei confronti dei malati di Parkinson e Alzheimer, raggiungendo un maggior numero di famiglie.


Nata dal basso, la "Rete magica amici per l'Alzheimer e il Parkinson" si è rivelata, infatti, una risorsa preziosa nell'aiutare e sostenere sia quanti soffrono di patologie cerebrali degenerative sia i loro familiari, offrendo un variegato ventaglio di iniziative. Al momento, i due principali progetti sono "Amarcord" e "Cafè Alzheimer", che prevedono l'apertura di spazi accessibili a malati, familiari, cittadini, quali luoghi d'incontro dove, grazie alla presenza di volontari e di professionisti esperti nelle specifiche materie, si vuole da una parte offrire effettive opportunità di inclusione sociale, dall'altra favorire il mantenimento delle capacità cognitive e pratiche. Vengono, inoltre, organizzati corsi di psicomotricità e musicoterapia, di auto-mutuo aiuto, di training autogeno, di stimolazione cognitiva psicologica, di logopedia, e di memory training. L'associazione mette anche a disposizione un punto d'ascolto telefonico (0543 033765), e d'informazione e orientamento sulla rete di servizi sociali esistenti, effettuando consulenze ai familiari per aiuti legali, psicologici, sociali. Infine, vengono organizzati incontri e conferenze pubbliche, invitando esperti per spiegare come affrontare le malattie cerebrali degenerative.


«"La Rete magica" è sorta da un bisogno, cioè è stata creata sull'onda delle gravi difficoltà materiali e psicologiche vissute da chi, a vario titolo, è colpito da tali patologie - commenta l'assessore alle Politiche di Welfare Davide Drei - sin da subito si è configurata come una realtà viva, forte, dinamica, che funge da stimolo alle istituzioni. Oggi, dopo i contatti informali e le iniziative comuni portate avanti in questi anni, ufficializziamo la collaborazione, definendo ruoli e compiti, e mettendo nero su bianco gli impegni reciproci». Ovviamente soddisfatta la presidente di "La rete Magica" Eugenia Danti, per la quale il protocollo rappresenta «la concreta attuazione del concetto di rete, con sinergie e intenti comuni per migliorare l'assistenza a chi soffre di malattie degenerative e ai loro familiari». Le fa eco il vice-presidente della Provincia di Forlì-Cesena Guglielmo Russo: «Siamo stati felici di aderire perché la Rete magica, già dal nome, riprende principi chiave della nostra programmazione, quali la volontà di costruire sinergie e collaborazioni fra istituzioni, volontariato, società civile. Inoltre, tale associazione rappresenta un perfetto esempio di sussidiarietà orizzontale e coesione sociale».


Per l'Azienda Usl di Forlì, il rapporto con la "Rete magica" risale agli albori del sodalizio. «Quella di oggi non è una novità ma il coronamento di un'integrazione piena - commenta la Direttrice Generale dell'Azienda Usl Licia Petropulacos - i nostri professionisti delle U.O. di Neurologia e Geriatria lavorano, infatti, già da tempo a stretto contatto con l'associazione. Purtroppo, un anno fa, anche mio padre è stato colpito da una forma degenerativa grave e rara, perdendo totalmente autonomia. Nella sua drammaticità, quest'evento è stato comunque una fonte di arricchimento, in quanto mi ha permesso di guardare alla malattia con occhi diversi, imparando l'importanza di ascoltare la voce delle famiglie. Tale avvenimento si è intrecciato con l'altra esperienza che mi ha segnato la vita, ovvero il primo anno da direttore generale a Forlì: qui ho conosciuto un territorio ricco di intelligenze e impegno nel volontariato, rendendomi ancor di più conto di come quest'ultimo sia un'opportunità e una risorsa preziosa. Senza il suo apporto, infatti, è difficile per le istituzioni dare risposte giuste».

La rete magica ha sede nella circoscrizione n. 2, in via Curiel 51, tel. 0543 033765, e-mail info@laretemagica.it, www.laretemagica.it. Grazie al protocollo si prevede di estendere la sua attività anche in altre circoscrizioni.

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -