Forlì: il cantiere diventa un laghetto. Il Comune: "E' da svuotare"

Forlì: il cantiere diventa un laghetto. Il Comune: "E' da svuotare"

Il cantiere allagato della tangenziale, in via Pandolfa

FORLI' - Per le abbondanti piogge primaverili il cantiere della tangenziale in corrispondenza di via Bertini e via Pandolfa è ormai da mesi un vero e proprio lago. L'acqua piovana si è raccolta per un estensione di diverse centinaia di metri quadrati e per un profondità superiore al metro di altezza. Il ‘laghetto' si è creato perché quello strato di terreno, già scavato per la "trincea" della superstrada" non è adeguatamente permeabile.

 

Per motivi igienici quello stagno va però prosciugato, soprattutto ora, che inizia a moltiplicarsi la zanzara tigre. In municipio sono già arrivate le segnalazioni dei cittadini vicini all'area. Dal Comune assicurano che, da questo punto di vista, sono stati già fatti trattamenti anti-larvali straordinari, ma che per risolvere la questione serve chiaramente lo svuotamento, che non sarebbe stato fatto immediatamente per analizzare l'acqua, dato che proprio in quel punto erano emersi inquinamenti da cloruro di vinile monomero (Cvm).

 

La ditta appaltatrice del cantiere dovrebbe quindi provvedere il prima possibile al prosciugamento della grossa pozza, il Comune sta vagliando anche un'apposita ordinanza affinché il cantiere venga svuotato il prima possibile.

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di oOoOoOoOo
    oOoOoOoOo

    Oltre il problema della zanzara tigre, che non è certamente da poco, è bene prosciugare al più presto il lago che si è andato a creare anche per preservare la struttura della futura galleria.

  • Avatar anonimo di Roberto S
    Roberto S

    Grazie Romagnaoggi, per aver segnalato con un articolo questo problema, che per i residenti della zona sta diventando grave... voglio sperare che abbiate interpretato un mio precedente post con il quale segnalavo questo lago... Non devo ringraziare altrettanto i responsabili comunali o meglio la ASL che non hanno preso immediati provvedimenti al fine di bonificare questo acquitrinio... purtroppo non si deve vagliare l'ordinanza... semplicemente bisogna recarsi immediatamente sul posto e con alcuni camion aspirare l'acqua... Se non abbiamo i soldi possiamo sempre disinfestare il laghetto utilizzando pesci rossi ed antri insettivori... così magari creiamo anche una nuova attività ricreativa... un bel laghetto di pesca sportiva! A parte gli scherzi, grazie ancora per aver sollevato il problema!

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -