Forlì: il Comitato "Tuttinsieme" riparte per la Bosnia

Forlì: il Comitato "Tuttinsieme" riparte per la Bosnia

FORLI' - Il Comitato "Tuttinsieme" riparte per la Bosnia. Capitanata dall'onlus "Croce Verde Meldola-Predappio", mercoledì 4 giugno l'aggregazione di enti, associazioni e aziende private, costituita nel 1999 per far fronte alle emergenze umanitarie nei Balcani, ritorna nel cuore dell'ex Jugoslavia con l'ennesimo carico di aiuti. I due autisti Giuseppe Cardinale e Mario Conficoni, alla guida dei propri camion associati alla Trascoop di Forlì, faranno da apripista alla spedizione composta da 15 volontari, fra cui alcuni medici dell'Ospedale Morgagni-Pierantoni di Forlì. Il convoglio toccherà le località di Velika Kaduša, Bihac e Donii Vakuf.

 

E se la scuola comunale "Ale Hušidic" di Velika Kaduša riceverà l'ennesima partita di materiale didattico, la locale Croce Rossa beneficerà di un computer completo di fax e fotocopiatrice.

 

Gran parte delle attrezzature sanitarie trasportate sarà consegnata ai responsabili dell'ospedale cantonale di Bihac. Oltre alla consueta partita di medicinali selezionati dal Comitato per la Lotta contro la Fame nel mondo di Forlì, e ad un sollevatore per disabili, una carrozzella e un materassino anti-decubito offerti dall'ospedale Morgagni-Pierantoni di Forlì, spiccano coperte di lana, lenzuola, federe, traverse, copriletto, giacche, camici bianchi, e altro donati da "Linea Sterile", l'azienda di Gatteo leader nel lavaggio, noleggio e sterilizzazione di biancheria esclusivamente per il settore sanitario. Accogliendo una precisa esigenza manifestata dai dirigenti del grande nosocomio bosniaco, dotato di 630 posti letto, "Linea Sterile" donerà anche due lavacentrifughe del valore di alcune decine di migliaia di euro.

 

La tappa a Donii Vakuf darà l'occasione per completare l'installazione, nel locale poliambulatorio, di un laboratorio dentistico offerto dall'associazione Smom; da par suo, l'associazione femminile "Anjma", in aggiunta alla consueta fornitura di filati vari in lana e cotone, riceverà 6 nuove macchine da cucire. Il rientro in Italia dei volontari romagnoli è previsto per le prime ore di domenica.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -