Forlì, il Comune nella 'top 30' in Italia per la mobilità sostenibile

Forlì, il Comune nella 'top 30' in Italia per la mobilità sostenibile

Anche il sindaco si muove in bicicletta

FORLI' - Il Comune di Forlì, unico capoluogo dell' Emilia Romagna, si è classificato ai primi posti in Italia nella graduatoria stilata dal Ministero dell' Ambiente per l'accoglimento dei progetti relativi al "Bando nazionale per la realizzazione di progetti di bike sharing associati a sistemi di alimentazione mediante energie rinnovabili" realizzato nel 2010. Su 314 comuni partecipanti, il progetto del Comune di Forlì si è collocato al 27° posto ricevendo un finanziamento di 342.000 euro.

 

L'intervento prevede come elementi portanti la fornitura di un significativo numero di bici elettriche a pedalata assistita anche con sistemi innovativi e costruzione e dotazione di parcheggi riservati alle bici; l'installazione di colonnine elettriche per la ricarica di biciclette e anche di auto; segnaletica, opere accessorie, postazioni ed illuminazione, sistemi informatici per la gestione delle bici, salotti wireless; realizzazione di tratto di pista ciclabile in viale Italia, che insieme all'intervento di un "piano Urbanistico attuativo" in corso chiuderà l'anello tra piazzetta di Santa Chiara e via del Portonaccio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L'amministrazione comunale - commentano il Vice sindaco Giancarlo Biserna e l'Assessore all'ambiente Alberto Bellini - intende promuovere tutti gli strumenti disponibili per razionalizzare la mobilità, con particolare riferimento al centro storico. Il modello di riferimento è quello che prevede la riduzione dei mezzi privati a favore del trasporto pubblico, di trasporti collettivi (car pooling) e di biciclette. Il riconoscimento ottenuto da questo progetto e la sua realizzazione si aggiungono al Piano più generale denominato "Stimer", attraverso il quale a breve la città verrà dotata di ulteriori cento biciclette tradizionali da mettere a sistema in diverse postazioni, incentivando l'uso intermodale nell' intero territorio regionale fra bici, bus e treno".

Commenti (6)

  • Avatar anonimo di Annibale II°
    Annibale II°

    sono molto perplesso su questa amministrazione... a volte appare intraprendente e di rottura con le precedenti....a volte sembra di una ingenuità disarmante!!! con i problemi esistenti dare enfasi a queste notizie è un'offesa al buon senso. ed il vice-sindaco la smetta con i proclami alla "di pietro" e faccia il lavoro che gli compete.

  • Avatar anonimo di Brenno
    Brenno

    urca!!! 2 notizie sopra ennesima rapina di balordi stranieri e/o da fuori regione, città presa d'assedio tutte le notti, con l'elicottero che gira manco fossimo a Los Angeles...e il sindaco si vanta del bike sharing e della mobilità sostenibile ahahaha. ma per i sinistri basta poco per essere felici...una festa multietnica, un paio di pannelli solari qua e il bike sharing. avanti così...a lucidare le maniglie del titanic.

  • Avatar anonimo di Michelangelo Merisi
    Michelangelo Merisi

    Yeah, let's speak with English!! Hopefully "Bike sharing" would be good for this sad city... But it's indeed true that our local government pump useless neologisms. One in all is "SOCIAL CITY" to name a commercial event instead of something that deal with welfare... It's ridiculous and it shows the huge background ignorance that exists...

  • Avatar anonimo di Venticinque76
    Venticinque76

    ahahah grandissimo Stefano! ahaha

  • Avatar anonimo di Giancarlo Romanini
    Giancarlo Romanini

    A che serve un servizio di affitto bici in una città che non ha una rete ciclabile decente né dal punto di vista della quantità (i numeri forniti dal comune sono semplicemente fasulli) né dal punto di vista della qualità (caratteristiche e manutenzione)? Ce l'avevamo già un servizio di bikesharing, che pare sia stato ripristinato di recente dopo anni di abbandono. Con quali risultati? Si prendono soldi vincendo bandi per realizzare opere estemporanee (come già in passato), senza la minima visione di insieme e senza alcun progetto sensato, a meno che vogliamo definire piano il misero progetto approntato dagli uffici comunali. Siamo bravi, sì, ma nello sfascio italiano. L'Europa è sempre molto, molto lontana.

  • Avatar anonimo di Stefano S.
    Stefano S.

    Wow!!! "Bike sharing" it sounds very clever! Can we please talk in italian? This is the year of our nation's birthday and we shall talk our language, until we can, at least. I understand this sounds more "on fashion" and soon in Italy italians will be people at risk but please. An I am not sure Forlì major would understand english and the new language in use will be ... ARABIC!!!

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -