Forlì, il cordoglio del Sindaco per la morte di padre Flavio

Forlì, il cordoglio del Sindaco per la morte di padre Flavio

FORLI' - Giunge, lasciandoci attoniti, l'inattesa notizia che un'altra repentina morte ha colpito la comunità forlivese. Padre Flavio Medaglia, padre custode dell'Eremo di Monte Paolo, immigrato forlivese d'elezione, come direttore e animatore del Centro Culturale San Francesco, aveva saputo dare impulso originale, aperto, sensibile alla gestione di questa entità e struttura culturale, adattandola ad una mentalità aperta, senza barriere e muri, con l'intelligenza di chi opera in un mondo globalizzato, dalle mille sfaccettature e punti di vista.

 

La storica presenza cittadina dei Frati Minori, comunità attiva nell'immediato dopoguerra come sostegno morale, religioso, educativo a tanti giovani inseriti nel contesto del "Casermone" e piazzette limitrofe, con la recente ristrutturazione aveva ritrovato una declinazione adatta ai tempi attuali, un approccio moderno rispettoso dei tanti mondi che fanno di Forlì una città viva dal punto di vista associazionistico, politico, culturale.

 

Con la sobrietà e la verve tipica del suo fare apparentemente brusco, a Padre Flavio va riconosciuto il merito di aver saputo accogliere al Centro anche le sfide culturali e di aver lanciato messaggi ben chiari. Ricordo, ad esempio, quando lesse come benvenuto ai sindaci del territorio forlivese, ospiti del Centro culturale di via Marcolini, la "Lettera ai governanti" di San Francesco, un invito alla riflessione e alla consapevolezza del valore delle responsabilità civiche. Questo era Padre Flavio, forlivese di adozione così simile ai romagnoli nella schiettezza del carattere

  

Roberto Balzani
Sindaco di Forlì

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -