Forlì: il giallo della poetessa morta in casa, il pm vuole interrogare il nipote

Forlì: il giallo della poetessa morta in casa, il pm vuole interrogare il nipote

Il dirigente della Squadra Mobile di Forlì, Claudio Cagnini-3

FORLI' - Si svolgeranno oggi (giovedì) a Meldola i funerali di Novella Casadei, la nota poetessa forlivese di 82 anni trovata morta alcuni giorni fa nella sua abitazione di via Bolognesi. Nel frattempo il nipote dell'anziana, che sabato scorso aveva tentato di togliersi la vita, è stato trasferito nel reparto di Psichiatria dell'ospedale ‘Morgagni-Pierantoni' di Vecchiazzano. Il 36enne, indagato con l'accusa di omicidio volontario, sarà ascoltato nuovamente nei prossimi giorni.

 

L'uomo dovrà rispondere alle domande del pubblico ministero della Procura di Forlì Marilù Gattelli, che si occupa dell'inchiesta. Del caso se ne stanno occupando gli uomini della Squadra Mobile, coordinati dal dirigente Claudio Cagnini, che hanno provveduto a sequestrare l'abitazione di viale Bolognesi su ordine della magistratura. Gli inquirenti hanno scavato nella vita dell'indagato scoprendo che nel 2005 aveva picchiato la zia per motivi di denaro.

 

L'autopsia sul corpo della donna, eseguita dal patologo Giuseppe Fortuni, ha evidenziato la presenza di ematomi su diverse parti del corpo dell'anziana frutto di una serie di aggressioni subite nel tempo. Alcune di queste sono compatibili con percosse subite nel giorno stesso del decesso. A quanto pare il trauma al capo sarebbe compatibile con un colpo inferto da un corpo contundente.

 

Ma secondo la difesa (l'indagato non è più assistito dall'avvocato Giovanni Principato che ha rimesso il mandato) i lividi sul corpo della poetessa potrebbero esser stati causati dal tentativo del nipote di tirar fuori dalla vasca la zia dalla vasca, dove si trovava nel momento in cui ha accusato il malore.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo il ritrovamento del cadavere, la Polizia ha subito vagliato la posizione del nipote, sottoponendolo ad un lungo interrogatorio durante il quale è spesso caduto in contraddizione. Dopo esser stato iscritto nel registro degli indagati, l'uomo, affetto da disturbi psichici, ha tentato di togliersi la vita ingerendo numerosi tranquillanti. Le sue condizioni di salute sono gradualmente migliorate, tant'è che i medici hanno deciso di trasferirlo dal reparto di Medicina d'urgenza a quello di Psichiatria. Nelle prossime ore sarà ascoltato dal magistrato.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -