Forlì, il ladro acrobata si trasforma in 'topo' d'auto e viene arrestato

Forlì, il ladro acrobata si trasforma in 'topo' d'auto e viene arrestato

Forlì, il ladro acrobata si trasforma in 'topo' d'auto e viene arrestato

FORLI' - Era finito all'ospedale due giorni prima di Natale dopo un rocambolesco furto al ‘Bar Nicole' di Forlì. Dopo essersi ristabilito, si è rituffato nel crimine, indossando i panni del ‘topo' d'auto. Ma anche questa volta gli è andata male. Per Aziz Sana, 20 anni del Burkina Faso, si sono spalancate le porte del carcere della Rocca, dove ha trascorso le festività di Pasqua. Mercoledì mattina comparirà davanti al giudice per l'udienza di convalida dell'arresto.

 

>LE IMMAGINI DELLA REFURTIVA

 

Tutto ha avuto inizio nella nottata tra sabato e domenica, intorno alle 3.30, quando un'automobilista in transito in via Bertini ha notato la sagoma di una persona agitarsi all'interno di una ‘Citroen C4'. A quel punto ha dato l'allarme al ‘113', che si è precipitato sul posto con una ‘Volante'. Dell'individuo nessuna traccia, mentre erano evidenti i segni del furto appena commesso: un finestrino rotto e la sparizione di un borsello con 25 euro in monete, una carta bancomat, una tessera Postepay ed una banconota da 20 euro.

 

Circa un'ora e mezza più tardi è tornato a squillare il centralino della Polizia. Questa volta era un cittadino residente in via Filzi, nella zona di via Gorizia, che segnalava la presenza di un individuo che stava trafugando all'interno della propria auto. All'arrivo della "pantera" della Questura di corso Garibaldi, il ladruncolo è fuggito in sella ad una bicicletta in direzione del parco di via Bengasi. Nel cestello della bici, trovata poco più tardi, c'erano un cellulare dual-sim e due carica batterie.

 

Si tratta della refurtiva che era stata appena portata via dall'auto parcheggiata in via Filzi. I poliziotti hanno poi riconosciuto la bicicletta, associandola ad un giovane che avevano fermato due giorni prima per un controllo. Nelle vicinanze sono stati poi recuperati un portafogli con documenti e due borse sportive rubati sempre in via Falzi in una seconda vettura.

 

Sapendo che l'individuo era ospite di un sessantenne in via Andrelini (estraneo ai fatti), gli agenti si sono recati a colpo sicuro nell'abitazione. E in una borsa è spuntata altra refurtiva: 5 cellulari, un hard disc, un modem, un paio di occhiali da vista, cinque sacchetti di monetine da 1,2, e 5 centesimi (rispettivamente da un chilo, 300, 400 e 500 grammi) ed una scatolina di quelle per preziosi contenente 10, 20 e 50 centesimi. Trovato anche un cappellino indossato regolarmente dal ventenne.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per il giovane  sono così scattate le manette in flagranza di reato per furto aggravato. Ora è in carcere alla Rocca in attesa della convalida dell'arresto. Parte della refurtiva è stata già riconsegnata ai legittimi proprietari, mentre gli inquirenti sono al lavoro per chiarire la provenienza delle monetine.


Forlì, il ladro acrobata si trasforma in 'topo' d'auto e viene arrestato

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di benpensante
    benpensante

    ...ed in attesa di essere liberato quanto prima per continuare a fare furti ai danni di ciattadini onesti.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -