Forlì, "Il Momento" presenta la sua mission: dare voce a chi non ha voce

Forlì, "Il Momento" presenta la sua mission: dare voce a chi non ha voce

Forlì, "Il Momento" presenta la sua mission: dare voce a chi non ha voce

FORLI' - Auditorium Cariromagna gremito, lunedì 21 febbraio, per l'incontro di presentazione pubblica del settimanale cattolico Il Momento, edito direttamente dalla Diocesi di Forlì-Bertinoro. La serata, imperniata sul tema "Comunicare ed educare. Testimoni di verità nell'era del digitale. Il settimanale il Momento e il quotidiano Avvenire" e organizzata in collaborazione con la cooperativa "La Nuova Agape", la Federazione italiana settimanali cattolici (Fisc) e l'Unione Cattolica Stampa Italiana (Ucsi) dell'Emilia-Romagna, è stata moderata dal presidente Ucsi dell'Emilia-Romagna Antonio Farnè.

 

> LE FOTO DELLA SERATA

  

Dopo l'introduzione del direttore dell'Ufficio diocesano per le comunicazioni sociali, don Giovanni Amati, sono intervenuti Alessandro Rondoni, giornalista e direttore del settimanale Il Momento dal 1988 al 2009, l'attuale direttore Luciano Sedioli, il presidente nazionale della Fisc e direttore del Corriere Cesenate, Francesco Zanotti, il vicario episcopale per le comunicazioni sociali don Franco Appi, e Marco Tarquinio direttore di Avvenire. Proprio da Tarquinio, successore di Dino Boffo alla guida del quotidiano dei vescovi italiani, è scaturita la riflessione più ficcante dell'incontro. Se Avvenire è passato dalle 70 alle 100mila copie vendute, in netta controtendenza rispetto ai più importanti quotidiani nazionali, è merito anche del combattivo giornalista umbro (Tarquinio è nativo di Assisi).

 

"Molti sostengono che il nostro sia un giornale sbagliato". Il direttore di Avvenire ha subito additato come modello dell'informazione parziale e interessata che impera oggi, proprio la campagna diffamatoria contro il suo predecessore Boffo, che si dimise nonostante l'infondatezza delle accuse medianiche mossegli da "Il Giornale" di Feltri. "Mai successo, prima del caso Boffo, che l'Ordine dei giornalisti riconoscesse all'unanimità l'esistenza di una gravissima violazione delle regole di deontologia professionale".

 

Tarquinio ha condannato il sensazionalismo: "Non ci importa della tendenza dominante: noi vogliamo fare giornalismo trasparente, dando voce a chi non ha voce". Per esempio alla famiglia: "Sono 17 anni che Avvenire si batte invano contro tutti i governi, di sinistra e di destra, per un fisco equo a misura delle 15milioni di famiglie italiane". Laddove il sistema è vigente, vedi Francia e Germania, paesi laicissimi e privi di concordato con la chiesa cattolica, la natalità è tornata attiva. Noi italiani, invece, rischiamo l'estinzione. "E delle scuole private, vogliamo parlarne?" E' da tempo che il quotidiano Cei cerca di mettere a disposizione dei lettori tutti gli elementi utili a comprendere la questione.

 

I media che hanno inculcato nella mente degli italiani che è stato un atto di benevolenza del Governo Berlusconi nei confronti della Chiesa cattolica, il fatto di aver reperito anche quest'anno gran parte delle risorse necessarie al funzionamento della scuola paritaria, hanno scritto falsità. "La verità è che le scuole private, soprattutto le materne, svolgono un servizio indispensabile alla collettività".

 

Basta documentarsi un poco per apprendere che un bimbo "statale" costa sei volte più di un "privato". L'atteggiamento attuale di Avvenire, sostenuto anche dai responsabili Fisc e Ucsi presenti in sala, non deriva soltanto da una linea editoriale precisa: "Essere una testata di verità vuol dire partire da valori non negoziabili, come il rispetto della vita in tutte le sue fasi e la centralità della persona". Traendo le conclusioni della serata, il vescovo di Forlì-Bertinoro monsignor Lino Pizzi ha voluto ricordare anche la figura di don Francesco Ricci, sacerdote straordinario e grande comunicatore, di cui quest'anno ricorrono i vent'anni dalla morte. "Si deve a lui il fatto di essere qui stasera ad incoraggiare il nuovo equipaggio de Il Momento in questo avvincente viaggio al servizio della verità".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Piero Ghetti


Forlì, "Il Momento" presenta la sua mission: dare voce a chi non ha voce

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Albatros
    Albatros

    La diocesi di Forlì Bertinoro si dimentica di sottolineare alcune cose. Intanto credo che il Rondoni abbia preso un bel pò di quattrini , ovviamente benedetti, dalle comunque laute casse della diocesi. In secondo credo che in questo momento Gesù Cristo avrebbe preferito che questi soldi andassero in favore di qualche bambino bisognoso... per trovarlo non c'è bisogno di andare in Angola.... basta uscire più spesso, e con occhio più cristiano, in piazza Alighieri e dintorni. In terzo luogo invece di continuare a chiedere allo stato italiano una riforma fiscale in favore delle famiglie, comunque necessaria, iniziate col pagare l'ICI su tutto quanto appartiene alla Chiesa e che non è annoverabile come luogo di culto. Basta farlo volontariamente e gli italiani ringrazierebbero. Se poi volete veramente dare voce a chi ne ha bisogno sottolineate, come Cristo vi impone, che coloro che aprofittano dei minori, coloro che aprofittano del loro potere per piegare gli altri alle loro volontà corrotte e violente, coloro che , facendo politica, pensano solamente ed esclusivamente al loro meschino interesse, poco hanno a che vedere con quanto sperava ed educava il Messia. Ogni riferimento col padrone e col partito in cui milita Rondoni è evidentemente ed indiscutibilmente voluto. Per ultimo, ma assolutamente non ultimo, Le ricordo una massima di Don Lorenzo Milani: Dare soldi ad un povero non è fare la carità: è saldare un debito!! Lo ricordi Eccellenza, la prossima volta che deve fare un affare con Rondoni.....

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -