Forlì, il piatto piange in Comune: mancano 4 milioni di euro

Forlì, il piatto piange in Comune: mancano 4 milioni di euro

Lodovico Buffadini, assessore al Bilancio del Comune di Forlì

FORLI' - Mancano oltre 4 milioni di euro all'appello per chiudere il bilancio di previsione 2009 del Comune di Forlì. Una voragine di cui l'assessore al Bilancio, Lodovico Buffadini, ha parlato alle commissioni consiliari, ammettendo che "si naviga a vista considerato che non si puo' piu' fare una programmazione neanche annuale". Dunque nelle tasche dell'Amministrazione mancano "considerato che non si puo' piu' fare una programmazione neanche annuale".

 

Tutto ciò nonostante il sindaco Nadia Masini e la sua giunta abbiano deciso di adottare l'esercizio provvisorio, cominciando l'anno senza una programmazione delle spese. Del resto, ha spiegato Buffadini, solo sul fronte dell'Ici, devono ancora arrivare 1,5 milioni di euro di trasferimenti statali, a compenso del taglio alla radice dell'imposta comunale sugli immobili operato dal governo Berlusconi.

 

 Il Comune di Forli', tuttavia, neanche quest'anno intende tagliare sui suoi punti forti: welfare e scuola. Il primo rimarra' a livelli stabili di spesa, mentre la scuola avra' costi crescenti per 500 mila euro (nel 2010 saranno 800 mila) per l'effetto dell'aumento di 170 posti negli asili nido.

 

La coperta, però, è più corta degli altri anni. Così sono stati sacrificati il comparto della Cultura (drastico taglio ai finanziamenti e stop alle risorse per la rassegna estiva "Piazza d'estate") e dello Sport.

 

Per recuperare i soldi il Comune utilizzerà  il 50% degli oneri di urbanizzazione per la spesa corrente. "Nel 2007 erano tutti destinati agli investimenti- commenta Buffadini -, eravamo l'ultimo Comune a destinarli totalmente alle opere pubbliche, nel 2008 abbiamo stornato il 20-25% alla spesa corrente, quest'anno sara' il 50%". Cosi' arriveranno per il sostentamento ordinario dell'attivita' del municipio ben 3 milioni e 110 mila euro.

 

In sostanza il bilancio 2009 del Comune dovrebbe aggirarsi attorno ai 217,6 milioni, solo 33,9 arriveranno dai tributi, mentre ben 75,3 milioni saranno introitati, secondo le aspettative del Comune, dalla cessione di suoi beni. 94,2 milioni saranno spesi per il "corrente", 87,1 milioni per spese in conto capitale, 12,1 per la restituzione di capitale da mutui (24 milioni sono anticipazioni su spese in capo ad altri enti).

 

Il Comune di Forli' prevede di spendere 33,6 milioni per il personale, 38,7 milioni per la prestazione dei servizi e 7,4 milioni di interessi passivi. Con un'altra suddivisione della spesa corrente, poi, c'e' da rimarcare che il 27% andra' alle spese generali di amministrazione, il 21,6% al welfare, il 17,3% alla scuola, l'8,7% alla viabilita' e ai trasporti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

  

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di annibale
    annibale

    ma l'investimento del Comune nei derivati che fine ha fatto??

  • Avatar anonimo di Roberto S
    Roberto S

    Ahi ahi ahi... e adesso dove li troviamo si soldi? circa 35 Euro a testa per ogni residente, neonati compresi?

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -