Forlì, il porta a porta è partito

Forlì, il porta a porta è partito

Forlì, il porta a porta è partito

FORLI' - E' partito con "il taglio virtuale del nastro", come lo definisce l'assessore all'Ambiente del Comune di Forlì, Alberto Bellini, il porta a porta, nei quartieri Ronco, Villa Selva e San Leonardo. Il primo ritiro dei contenitori è stato 'battezzato' lunedì mattina, in via Icaro, al Ronco, da Comune ed Hera, con il mezzo della Co.For.Pol che ha ritirato i bidoni. Il sistema sarà a regime nel giro di 15 giorni, conferma l'assessore, anche per le utenze non domestiche.

 

> PORTA A PORTA: LE ISTRUZIONI PER L'USO

 

> LE IMMAGINI DELL'AVVIO DEL PORTA A PORTA

 

"C'è molta tranquillità da parte dei residenti - conferma Bellini, anche sulla base degli incontri effettuati con la cittadinanza - la disponibilità ci è stata dimostrata, ci sono, ovviamente, ancora dei dubbi, in particolare sull'organico, ma in questi 15 giorni verranno chiariti e ci sarà il tempo per i cittadini di abituarsi al nuovo metodo. Per le utenze domestiche la copertura è già del 100%". La consegna dei contenitori è partita il 15 dicembre scorso, per avviare la raccolta differenziata porta a porta il 30 gennaio.

 

Chiara Fabbri


Commenti (5)

  • Avatar anonimo di mtvaccari
    mtvaccari

    Veramente sono messi che l'Ass. Bellini va in giro per la città e risponde sui giornali a tutte le domande e i dubbi che gli vengono posti Sono stati fatti decine di incontri pubblici e ancora se ne faranno in questi mesi di avviamento del servizio. L'ultimo in ordine di tempo sabato scorso organizzato da Rondoni in cui alle osservazioni, spesso approssimative e frutto di luoghi comuni e pregiudizi, sono state date risposte chiare e dettagliate. Ma come sempre non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire ed è più facile parlare per luoghi comuni e sentito dire che informarsi seriamente. C'è anche il sito ambiente.comune.forli.fc.it Un'ultima cosa: la raccolta differenziata con i cassonetti stradali a Forlì si fa da almeno 10-15 anni, la novità è la RACCOLTA PORTA A PORTA che è l'unico strumento disponibile per portare al 70-80% (oggi sotto il 50%) la percentuale di riciclo "vero" e quindi per ridurre l'uso degli inceneritori. Si vedano i casi di Veneto, Lombardia, Salerno, ecc.

  • Avatar anonimo di materazzi
    materazzi

    Sulla competenza dell'assessore Bellini aspetterei ancora qualche tempo per dare giudizi,..mi sembra un po' prestino per osannarlo. In linea di massima la raccolta differenziata è un ottima cosa ma rimane sempre l'incognita Hera, ..di questa azienda abbiamo avuto modo più di una volta di sorprenderci in negativo....basta rivolgersi ai loro uffici una volta per uscirne traumatizzati,....sull'inceneritore ed il suo corretto utilizzo bisognerebbe saperne molto di più ma l'Amministrazione si guarda bene dal farlo. Caro Bellini ci tenga informati su questo delicato problema, ...lei che è verde pure nell'anima prenda un impegno serio con la cittadinanza e se ne è capace ci certifichi ogni cosa.

  • Avatar anonimo di Roby_Ti
    Roby_Ti

    ma ottimo cosa?? L'ennesima truffa ai danni dei consumatori!! Ma se all'inceneritore per riuscire a mantenere la temperatura si brucia con disinvoltura la plastica!!! Sono tutte buffonate per prendere in giro i cittadini e per farli pagare molto di più! Ora facciamo anche pubblicità agli assessori!! Che tristezza! E quanto siamo caduti in basso!

  • Avatar anonimo di fabrizio bazzocchi
    fabrizio bazzocchi

    Ottimo, finalmente si parte, nonostante HERA. E si parte bene, l'assessore è una persona sicuramente competente ed inoltre l'esperienza di Forlimpopoli servirà sicuramente.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -