Forlì: il Premio Campigna a palazzo Albertini

Forlì: il Premio Campigna a palazzo Albertini

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

FORLI' - Al primo piano di Palazzo Albertini, a Forlì in piazza Saffi, è aperta tutti i giorni fino al 16 novembre la grande retrospettiva che celebra i 50 anni del Premio Campigna. Dopo l'allestimento presentato nella Galleria d'arte contemporanea "Vero Stoppioni" di Santa Sofia la mostra, dal titolo Le rose del Campigna. Il premio di Santa Sofia dalla memoria all'attualità, è approdata nel capoluogo forlivese, così come avveniva negli anni di maggior prestigio del premio di pittura, grazie alla collaborazione del Servizio Pinacoteca e Musei del Comune di Forlì.

Scaturita da un'accurata indagine archivistica e documentaria sulle vicende dell'importante manifestazione artistica, la mostra riunisce opere recenti di oltre 40 artisti che hanno legato il proprio nome al Campigna nel suo periodo di maggior fortuna e prestigio a livello nazionale, tra gli anni Sessanta e Settanta.

La rassegna si configura come un'interessante panoramica sulla più stretta attualità dell'arte italiana, qui rappresentata da pittori che nel corso delle edizioni del premio, dal 1966 al 1978, furono ritenuti meritevoli dalle diverse commissioni giudicatrici (composte, tra gli altri, da crtici del calibro di Arcangeli, Carluccio, Crispolti, Ruggeri, Valsecchi, De Micheli, Giuseppe Raimondi) di far parte della cosiddette "rose" dei candidati all'assegnazione dei premi in palio.

A distanza di decenni da quelle esperienze giovanili, tornano così insieme nomi di spicco come quelli di Franco Mulas, Francesco Casorati, Romano Notari, Umberto Mariani, Fernando De Filippi, Giacomo Soffiantino, Giancarlo Cazzaniga, Mario Nanni, Paolo Pasotto, Irving Petlin, Sergio Vacchi, Silvio Benedicto Benedetto, Gianluigi Mattia, Angelo Cagnone, Piero Ruggeri, Sergio Sarri, Osvaldo Piraccini, Giulio Ruffini, Roberto Casadio, Cristina Roncati, Walter Falconi, Vito Tongiani, Giannetto Fieschi, Romano Campagnoli, Antonio Saliola, Giuseppe Giannini, Halina Orzeszko, Robert Carroll, Maurizio Bottarelli, Vladimir Velickovic, Ernesto Treccani, Attilio Forgioli, Concetto Pozzati, Alberto Sughi, Daniel Bec, Franco Aleotti, Giuliano Pini, Gioxe De Micheli, Giuseppe Zigaina, Alberto Cavallari, Valentino Vago, Francesco Tabusso, Fabrizio Plessi, Riccardo Licata, Ercole Pignatelli, Aurelio Ceccarelli, Nevio Bedeschi.

L'esposizione è promossa dalle due Amministrazioni comunali di Forlì e Santa Sofia in occasione della cinquantesima edizione del Campigna, e realizzata in collaborazione con l'Istituto per i beni artistici culturali e naturali, Soprintendenza per i beni librari e documentario della Regione Emilia-Romagna. Sponsor dell'iniziativa sono Romagna Acque Società delle Fonti, Cominità Montana Appennino Forlivese  - Zona Due Valli, Provincia di Forlì-Cesena - Assessorato alla Cultura e Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì.
 

Le rose del Campigna. Il premio di Santa Sofia dalla memoria all'attualità
Palazzo Albertini (piazza Saffi, 8) Forlì

Apertura al pubblico fino a domenica 16 novembre.
Orari: tutti i giorni  9,30 - 12,30; 15 - 18.
Info.: 0543 712609 - 12609 - 24184.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -