Forlì, il professor Claudio Vicini ha firmato il primo intervento robotico Orl degli Emirati Arabi

Forlì, il professor Claudio Vicini ha firmato il primo intervento robotico Orl degli Emirati Arabi

Forlì, il professor Claudio Vicini ha firmato il primo intervento robotico Orl degli Emirati Arabi

FORLI' - Il professor Claudio Vicini firma il primo intervento di chirurgia robotica otorino dell'intera area del Golfo Persico e si prepara a formare in quest'ambito il personale medico-infermieristico di tutto il Medio-Oriente e Sud Est Asiatico. Lo stage operativo al "Rumailah Hospital" di Doha, in Qatar,  effettuato la scorsa settimana da Vicini, direttore dell'U.O. di Otorinolaringoiatria dell'Ausl di Forlì, e dal dottor Filippo Montevecchi, della sua equipe, è stato doppiamente proficuo.

 

Non solo i due professionisti hanno effettuato il primo intervento con tecnica TORS ("Transoral Robotic Surgery") base-lingua per sindrome da apnea ostruttiva del sonno (Osas) in tutta l'area degli Emirati arabi (Dubai, Bahrein, Abu Dhabi, Oman, Arabia Saudita, Qatar), ma anche ottenuto il coordinamento dei corsi di chirurgia robotica otorino che il "Quatar Science and Techonology Park" intende organizzare per i professionisti dei paesi del Golfo e del Sud-Est Asiatico, compresi India e Pakistan.

 

«A conclusione del nostro soggiorno, visto il successo dello stage - illustra il prof. Vicini - siamo stati inviatati dalle autorità locali a visitare il "Quatar Science and Techonology Park", struttura avveniristica che vanta tecnologie avanzatissime. All'interno dell'area di chirurgia robotica di questo polo, vi sono ben due robot da Vinci, utilizzati esclusivamente per fini didattici e di ricerca. Visto che nell'intero settore medio-orientale non esistono strutture simili, si è pensato di tenere qui corsi di chirurgia robotica Orl per il personale medico-infermieristico interessato, e il coordinamento dell'iniziativa è stato affidato a noi».

 

L'U.O. di Otorinolaringoiatria dell'ospedale "Morgagni-Pierantoni" è stata, infatti, una delle prime a cimentarsi in questo campo, divenendo un punto di riferimento internazionale, in particolare per quanto riguarda il trattamento delle apnee notturne ostruttive, settore in cui detiene, ora, la leadership mondiale, con oltre 75 casi trattati attraverso la tecnica base-lingua, messa a punto dallo stesso prof. Vicini, in una casistica di oltre 100 pazienti complessivi.

 

Il gemellaggio fra l'U.O. Orl forlivese e il "Rumailah Hospital", non a caso, è incentrato sul trattamento della patologia Osas. Durante il soggiorno in Qatar, il prof. Vicini e il dott. Montevecchi hanno così effettuato una sessantina di visite cliniche, valutando pazienti afflitti da apnee severe, e prestando supporto diagnostico e strumentale. Inoltre, hanno eseguito una quindicina di interventi per patologia Osas, utilizzando tutte le tecniche ronco-chirurgiche oggi disponibili compresa, appunto, quella robotica.

 

«Le giornate di sala operatoria, nell'arco della settimana, sono state ben quattro, con sedute sia di mattina sia di pomeriggio - illustra il prof. Vicini - In quest'ambito, abbiamo "sdaganato" l'uso del robot nell'intera area degli Emirati Arabi, portando a termine il primo intervento robotico testa-collo. Oltre a questa parte pratica e operativa, ce n'è stata anche una teorica, con conferenze, presentazioni, lezioni frontali».

 

Durante lo stage è stato poi verificato il grado di professionalità raggiunto dalla dott.ssa Hayam Al-Taweed, che tornerà a Forlì per un secondo periodo di formazione in maggio. «La collaborazione col "Rumailah Hospital" prosegue a pieno regime - conferma il prof. Vicini - nei prossimi mesi continueremo, infatti, con gli interscambi: in alcuni casi saranno i professionisti dell'ospedale di Doha a recarsi a Forlì, in altri saremo noi ad andare in Qatar».

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -