Forlì, Il vice-sindaco: "Integrare i servizi dei due Comuni di Forlì e di Cesena"

Forlì, Il vice-sindaco: "Integrare i servizi dei due Comuni di Forlì e di Cesena"

Forlì, Il vice-sindaco: "Integrare i servizi dei due Comuni di Forlì e di Cesena"

FORLI' - Aggregare servizi tra i Comuni di Forlì e di Cesena. E' la proposta che viene, sulla sponda forlivese, dal vice-sindaco di Forlì Giancarlo Biserna. Dice Biserna: "FOCE, potrebbe essere la parola magica che in questi tempi difficili per la finanza locale e per le problematiche dei comuni, organizzative e gestionali da un lato e di riduzione delle prestazioni dall'altro, apre spiragli a Forlì e a Cesena".

 

Continua il vicesindaco: "Banche, grandi industrie, aziende pubbliche, e non solo, hanno già da tempo intrapreso rilevanti processi aggregativi, unica strada per far fronte ad una società sempre più globale, veloce, competitiva, in cui l' obbligo di contenere costi ed ottimizzare i profitti è l'unico terreno percorribile. Il settore pubblico parlò a suo tempo di città metropolitane, ma il contesto è al palo e poi non riguarda entità come le nostre. Allora perché non ingegnarci ed applicare anche ai nostri due comuni dei processi aggregativi di funzioni e di servizi, che ci consentano economie in un quadro più organico di sviluppo e di gestione del territorio".

 

"Se poi si potesse parlare anche di luoghi permanenti di confronto politico ed amministrativo sino ad arrivare all' "Ufficio dei Due Sindaci" si potrebbe dire che la politica sta al passo con la realtà. In effetti la realtà delle aziende pubbliche locali va verso una sempre più marcate integrazione, che peraltro in alcuni settori è già iniziata. Perchè quindi non passare la palla nel campo della politica. Nessuno può negare il quadro di area metropolitana dei nostri due comuni insieme con tante peculiarità ben integrabili, per cui avviare un confronto serio su questo terreno, sviluppando peraltro necessarie nuove alte progettualità sarebbe a mio avviso cosa ragionevole".

Commenti (5)

  • Avatar anonimo di LiberaMente
    LiberaMente

    Sono d'accordissimo, e, anzi, mi sento di sposare totalmente la causa dell'Ufficio dei Due Sindaci, i quali, per far tornare i conti, potrebbero sacrificarsi e dotarsi di un solo vicesindaco: possibilmente Carlo Battistini.

  • Avatar anonimo di Lorenzo Grecis
    Lorenzo Grecis

    non voglio e non posso esesre il difensore d'ufficio del vicesindaco, ma non posso rimanere in silenzio alle imbecillità di chi, non sapendo come "rompere le scatole", si azzarda a voler partecipare ad un confronto per il quale non ha una minima base di conoscenze... infatti, come dice Igor Righetti, "fa più paura l'ignoranza che la cattiveria"... entro nel merito: - (annibale) nel voler ottemperare alla 68/99, legge sul collocamento dei disabili, vuole lanciare un grido di aiuto perchè è evidente la sua disabilità mentale; - (miky) che parla del gioco delle tre carte, di una Forlì che muore, di una kemioterapia rispetto ad un cancro, sembra come se vivesse su un altro pianeta ed avrebbe bisogno, lui si, di una "terapia di conoscenza"; - (materazzi) sollecitando un'eventuale consultazione con la cittadinanza esprime l'attesa di un confronto democratico condivisibile; - (corso.rossi) non smentisce la sua fama di "assaltatore ad ogni costo", e chiunque può verificare andando a leggere i suoi post sul sito; nell'assegnare appellativi come " becchini della Città di Forli" conferma la sua idiozia in quanto non porta argomenti di merito su temi politici e di gestione della cosa pubblica, ma solo slogan di stampo becero/politico.... queste mie considerazioni vogliono significare che la situazione sociale che oggi viviamo, a seguito di cambiamenti economici dovuti ad una crisi internazionale, non può lasciare indifferenti gli amministratori pubblici. Se qualcuno, come Biserna, si adopera per verificare la possibilità di percorrere strade che possano realizzare integrazioni sulla gestione e l'organizzazione dei servizi ai cittadini per "FAR TORNARE" quei conti che oggi non tornano più, non trovo costruttivo che questa operazione di "proposta da verificare" sia commentata in modo becero e senza argomenti oggettivi... tutti i cittadini devono informarsi e non farsi frullare il cervello dai format televisivi dove "tutto va bene", dove "la crisi è superata" e simili !!!

  • Avatar anonimo di corso.rossi
    corso.rossi

    Questi sono i becchini della Città di Forli.Ma l'agonia cominciò tanti anni fa,ora siamo alla fine di una strada che cominciò con lo smembramento della Provincia,prima Rimini,poi Forli cesena in futuro Cesena-Forli e poi solo Cesena.C'è una sola speranza : che la sinistra boicottatrice e becchina della Città venga spazzata via dagli elettori,e si dia ad altri la mano e le carte per vedere come le giocano.Ma giocarle peggio di cosi sarà molto molto difficile.

  • Avatar anonimo di materazzi
    materazzi

    Biserna potrebbe mettere un banchettino alla Panighina e chiedere ai cittadini di entrambi i comuni come la pensano.

  • Avatar anonimo di miky
    miky

    Dall'ufficio dei due sindaci al gioco delle tre carte il passo può essere molto breve! Forlì muore, adesso si vuole attaccare a Cesena. Chissà perchè questa cosa mi fa pensare ad un cancro, che attanaglia pian piano le parti vitali del corpo. Quì urge un pò di kemioterapia.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -