Forlì, IlRof festival a Scampia per un progetto di animazione sociale

Forlì, IlRof festival a Scampia per un progetto di animazione sociale

FORLI' - IlRof festival è un appuntamento che da due anni nel mese di giugno coinvolge le strade della città di Forlì con performance artistiche di musica, teatro e danza, preparate durante tre mesi di laboratori gratuiti aperti alla cittadinanza. Le parole chiave alla base della filosofia della manifestazione sono: espressione artistica accessibile a tutti, arte come strumento di inclusione sociale e ri-acquisizione degli spazi pubblici quali piazze e strade a favore delle persone.

 

Dalla sua nascita, il festival di Forlì ha partecipato ad una rete nazionale e internazionale di eventi simili tra i quali si annoverano città come Parigi, Belfast, Bruxelles, Bologna, Ljubljana, Lille, Venezia, Como e appunto Napoli.

 

E' nel quadro di queste collaborazioni, le quali permettono lo scambio di esperienze e di artisti che 14 giovani forlivesi musicisti e giocolieri sono approdati a Napoli lo scorso venerdì 18 febbraio fino a domenica 20, per dare man forte alle attività del centro di animazione territoriale "Mammut", il quale dal 1996 opera nel quartiere di Scampia.

Coordinato da Giovanni Zoppoli, il centro ha l'obiettivo di coinvolgere bambini, adolescenti e adulti in attività di animazione che stimolino una vita sociale sana in una realtà tanto difficile come quella della periferia napoletana.

Lo scenario che si trovano ad affrontare gli operatori è, infatti, tra i più complessi in Italia. Il quartiere è costituito da alti palazzi (primi fra tutti quelli del famoso complesso "Le Vele"), eco-mostri che agli occhi sembrano alveari spesso disordinati e incompleti. Il quartiere soffre di tensioni causate dal fatto di essere la maggior piazza di smercio di eroina di tutta Europa e dalla carenza di infrastrutture e servizi.

 

Ciò nonostante brillano alcune iniziative che cercano di ricreare un humus sociale, da tempo strappato. Tra queste il progetto "Kumpania", costituito da 5 donne italiane e 5 rom le quali hanno intrapreso un'attività di catering preparando pietanze squisite durante la permanenza degli artisti, grazie all'incrocio delle migliori tradizioni culinarie di entrambe le culture. Il progetto "Barrito", il quale consiste in una rubrica mensile in cui i ragazzi di Scampia si raccontano attraverso fumetti e articoli. Il progetto "Corridoio", grazie al quale si crea un proficuo scambio di esperienze tra diversi centri di animazione sociale presenti sul territorio nazionale.

 

Gli artisti forlivesi hanno promosso laboratori di giocoleria, di musica e di creazione di pupazzi in carta pesta per bambini della scuola elementare del quartiere. La domenica hanno partecipato alla coloratissima parata che ha attraversato le strade di Scampia.

 

Per maggiori informazioni: www.mammutnapoli.org e www.ilrof.it

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -