Forlì: immigrati clandestini e degrado, Nervegna (Fi-PdL) accusa la Masini

Forlì: immigrati clandestini e degrado, Nervegna (Fi-PdL) accusa la Masini

FORLI' - "Via Regnoli traformata in un bivacco.  Escrementi sul selciato delle stradine laterali, urina a sporcare pareti e vetrine dei negozi (un tempo) finemente decorati, mozziconi di sigaretta abbandonati all'ingresso delle abitazioni, biciclette rubate, donne importunate: uno scempio compiuto dagli extracomunitari che stazionano abitualmente nei pressi della via a pochi metri da piazza Saffi. Un degrado e una continua dimostrazione di violenza verbale e civile che l'amministrazione comunale tollera all'insegna dell'integrazione a tutti i costi. Evidentemente , come piace alla Masini... un'integrazione senza regole". 

 

Così Antonio Nervegna, capogruppo comunale di Fi/Pdl, lancia l'ultimo j'accuse contro quelle politiche di giunta definite "ultra tolleranti" che anziché combattere facilitano anche nelle persone perbene esasperate reazioni di xenofobia. 

 

"Ma questo non basta - aggiunge l'esponente azzurro -  abbiamo raccolto personalmente le lamentele di alcuni esercenti che , avendo denunciato i fatti alla Polizia Municipale, si sarebbero sentiti rispondere che ‘bisogna tollerare' queste incivili abitudini degli stranieri'...  Una vergogna. E a questo punto sfido ufficialmente sindaco e comandante dei Vigili Urbani ad affermare il contrario e che ci si dica se il Comune, oltre a non aver firmato ancora l'ordinanza anti degrado,  abbia anche anche imposto ai propri organismi di controllo dell'ordine pubblico  un atteggiamento lassista e  permissivo, nel nome di quella società multietnica che così felicemente (e incoscientemente)  auspicano, con il risultato che i commercianti si trovano costretti a vendere i negozi o abbandonare direttamente il centro storico anche come luogo di residenza!". 

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E Antonio Nervegna porta ad esempio anche il caso degli ‘assistenti civici volontari ' che , alla prova del nove, si sono già dimostrati - oltre che inadeguati - anche predisposti a tollerare la presenza molesta di soggetti probabilmente infiltrati dall'immigrazione clandestina: "Come accade nelle scalinate e nel chiostro di San Mercuriale, come ha denunciato l'abate Don Zaghini".

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di renzo397
    renzo397

    Di chi è la colpa?Della magistratura che assolve.Della Caritas che ha ragione di esistere solo con gli extracomunitari(preferibilmente senza permesso di soggiorno)Della sinistra che li coltiva intuendo la potenzialità di futuri elettori.Dei sindacati, che vede in loro i tesserati da anteporre ai lavoratori italiani ormai stufi .Dei politici ,che quando vanno in tv fanno a gara di democrazia,ultimo ,il teatrino di Berlusconi da Vespa.Il paradosso della situazione ,è che la Lega guadagna consensi,interpretando i sentimenti popolari.I fantasmi della sinistra continuano imperterriti con le strategie del tipo "volemose bene"Perdono ,ma non capiscono,si credono nel giusto dall'alto della loro arroganza.Per fortuna esiste una giustizia che si chiama "ragione"

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -