Forlì: in sei mesi "pizzicati" ben 19 lavoratori in nero in aziende cinesi

Forlì: in sei mesi "pizzicati" ben 19 lavoratori in nero in aziende cinesi

Forlì: in sei mesi "pizzicati" ben 19 lavoratori in nero in aziende cinesi

FORLI' - Dallo scorso mese di marzo si susseguono interventi congiunti da parte dei funzionari della Direzione Provinciale del Lavoro che hanno riguardato in particolare aziende del settore manifatturiero (confezioni e mobile imbottito), a Forlì, Cesena, Meldola e Predappio, gestite da cittadini cinesi, nonché nel settore edilizio. Diverse le irregolarità riscontate: 18 lavoratori in nero, di cui 3 clandestini; altri 31 lavoratori subordinati non del tutto in regola, di cui 17 stranieri.

 

Le multe ammontano a circa 121mila euro e, nel contempo, è stata disposta la sospensione dell'attività di sei aziende, in relazione alla presenza di lavoratori in nero. Sono state, inoltre, accertate, da parte delle Unità Operative Prevenzione e Sicurezza  negli ambienti di lavoro diverse violazioni delle norme in materia di igiene, nonché di sicurezza nei luoghi di lavoro, con pene pecuniarie di 42mila euro.

 

Per quanto riguarda il settore dell'edilizia, sono stati attuati interventi ispettivi congiunti  presso due cantieri, s Forlì e a Cesena, dai quali è emersa la presenza di un lavoratore in nero. In particolare, presso uno dei citati cantieri, sono state accertate - da parte dell'Unità Operativa di Prevenzione e Sicurezza negli ambienti di lavoro dell'Azienda USL di Forlì -, talune violazioni, anche gravi, della normativa vigente in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro, con la conseguente irrogazione di sanzioni pecuniarie pari ad 5.500 euro.

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di Cristian_66
    Cristian_66

    Sottoscrivo in pieno quello che dice renzo397, se si vogliono trovare lavoratori in nero Cinesi o meno basta volere. Ma i sindacati mi chiedo, non sarebbe anche nel loro interesse la difesa del lavoro regolare? Magari qualche segnalazione...?

  • Avatar anonimo di renzo397
    renzo397

    brillante operazione contro il sommerso.La cosa che stupisce è che per trovare lavoratori in nero basta passare prima nelle imprese italiane.Penso all'edilizia dove centinaia sono quelli non in regola.Counque sia,se volessero veramente fare sul serio,non hanno da cercare molto.L'impressione che se ne trae è che certi controlli siano pilotati.Prendono qualcuno per lasciare gli altri tranquilli.Penso alle imprese gestite da stranieri che operano nell'alimentare.Mi risulta che l'unico scarico che hanno sia quello del water.Nonostante ciò,continuano indisturbati per una sorta di pseudo integrazione da parte delle autorità.Si parla di multe,non di chiusure.Sappiamo tutti come funzionano.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -