Forlì, in taxi da Senigallia per prendere la 'coca'. Tre arresti

Forlì, in taxi da Senigallia per prendere la 'coca'. Tre arresti

Forlì, in taxi da Senigallia per prendere la 'coca'. Tre arresti

FORLI' - Questa volta lo spaccio si è consumato dentro un taxi. Gli uomini della Squadra Mobile di Forlì, coordinati dal dirigente Claudio Cagnini, hanno spedito alla ‘Rocca' tre giovani. Nei guai sono finiti Andi Gioni, 28 anni, piastrellista di nazionalità albanese residente a Cesena, l'acquirente, Altin Ndoka, connazionale di 26 anni, residente a Senigallia (Ancona), e il tassista, Luca De Gregorio, 27 anni di Senigallia. L'indagine è seguita dal pm Filippo Santangelo.

 

>LE IMMAGINI DELLA CONFERENZA STAMPA

 

Gli inquirenti hanno lavorato a colpo sicuro, certi che in questi giorni sarebbe avvenuta la cessione di una consistente partita di cocaina. 525 grammi di 'neve', che avrebbero fruttato tra i 50mila ed i 70mila euro. L'uomo da tener d'occhio era il 28enne Gioni, pedinato quotidianamente nel cantiere di via Cerchia dove si stava occupando del montaggio della pavimentazione esterna. Giovedì pomeriggio, intorno alle 17.30, è giunto un taxi. Alla guida si trovava De Gregorio, mentre sul sedile posteriore c'era Ndoka.

 

Gioni ha accolto i due, cominciando a confabulare con loro per una quindicina di minuti. Poi il muratore ha indossato una felpa e si è avvicinato ad un'Audi A6. Dopo un po' è tornato. Il terzetto è salito sul taxi per poi abbandonarlo. In quel frangente c'è stato il passaggio di un involucro incellophanato. Il piastrellista si è rimesso al lavoro, mentre il taxi è ripartito in direzione dell'autostrada A14. Ndoka questa volta si è sdraiato per passare inosservato.

 

L'auto bianca è stata fermata nell'area di servizio Bevano. Il 26enne è letteralmente sbiancato alla vista della Polizia. Subito ammanettato anche De Gregorio. Il marchigiano ha spiegato di non saperne nulla, ma il tassametro era spento. Gli investigatori ipotizzano che il 27enne sarebbe stato ricompensato con qualche dose di droga. Gioni è stato preso contemporaneamente nel cantiere di via Cerchia. Ora i tre sono in carcere in attesa dell'interrogatorio di garanzia.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -