Forlì, interrogazioni di Anconelli e Gagliardi (PdL) in Consiglio provinciale

Forlì, interrogazioni di Anconelli e Gagliardi (PdL) in Consiglio provinciale

FORLI' - Diverse le interrogazioni affrontate nel corso del Consiglio Provinciale di lunedì 29 novembre.

 

Anconelli (PdL) sui requisiti di idoneità degli eletti

In apertura, il Consigliere del PdL Giordano Anconelli, con un'interrogazione, ha chiesto di verificare anche nella Provincia di Forlì-Cesena se nell'ente siano state elette persone che non hanno i requisiti della idoneità. Il riferimento di Anconelli è alle dichiarazioni di stampa del senatore Pisanu, "che ha rivelato che non sempre è stato rispettato il codice di autoregolamentazione per le elezioni a cariche pubbliche". Anconelli ha ricordato che "la specifica commissione parlamentare ha richiesto alle Prefetture di conoscere i casi in cui sono stati eletti nelle recenti elezioni amministrative persone che comunque si trovavano in situazioni di incompatibilità con la suddetta autoregolamentazione". Ha risposto al Consigliere del PdL il segretario generale della Provincia Luca Uguccioni: "Abbiamo acquisito gli atti della commissione d'inchiesta parlamentare e approfondito il tema. A noi non risultano dati riferibili ad eletti della Provincia di Forlì-Cesena. Per quanto riguarda il codice di autoregolamentazione è necessario specificare che non si tratta di un regolamento che ha valore di legge, per quanto frutto di una commissione bicamerale, non possiamo quindi agire come in conseguenza di una norma con valore di legge. Infine per quanto riguarda la nostra Provincia non è dato al momento sapere se ci sono fenomeni di infiltrazione, se ci fossero il prefetto dovrebbe fare le sue segnalazioni al Ministero dell'Interno". Da parte sua ha commentato Anconelli: "Mi ritengo soddisfatto della situazione, ma aggiungendo una postilla: questi devono essere controlli che non si devono esaurire in un'interrogazione. Da parte sua ogni singola compagine politica deve avere un obbligo di specchiata moralità".  

 

Soppressione degli ATO, cosa succede a fine dicembre? Interrogazione di Gagliardi (PdL)

Cosa succederà dopo il 23 dicembre 2010, data in cui diventerà effettiva l'abolizione degli Ato (Agenzie d'Ambito)? E' la domanda che viene posta con un'interrogazione da Stefano Gagliardi, capogruppo del PdL in Consiglio Provinciale. Gagliardi ha chiesto "quale sia oggi la situazione degli ATO in Emilia-Romagna ed in particolare se il Presidente Bulbi, in qualità di Presidente di ATO Forlì-Cesena, abbia notizia di quale sarà il nuovo quadro normativo regionale in materia". Il presidente della Provincia Massimo Bulbi, nella risposta, ha confermato che "sono state soppresse le Autorità d'Ambito, ma al momento la Regione non ha deliberato una legge per la gestione di queste delicate funzioni e qui ricadiamo nella difficoltà di conoscere il futuro e adeguarci, mancando le norme successive". Spiega, inoltre, Bulbi: "A riguardo l'UPI (Unione delle Province) ha elaborato una proposta che però non abbiamo condiviso. La conferenza dei sindaci ha votato un ordine del giorno all'unanimità per spiegarne il motivo. Il punto in discussione in questa bozza è che come funzioni delle future articolazioni provinciali vengono riservate solo beghe, ma non il potere per condizionare le scelte politiche dei gestori. In sostanza non decidiamo più le tariffe, ma ci toccherebbe il controllo del gestore e la verifica della coerenza del suo piano di investimenti, senza tuttavia avere le risorse e il personale per farlo. Devo sottolineare che oggi l'unico Ato che non ha accettato gli aumenti richiesti dal gestore è quello di Forlì-Cesena: alla lunga questo potrà essere un problema, dato che le funzioni sulle tariffe saranno attribuite all'Autorità regionale". Conclude Bulbi: "Lo stesso ordine del giorno è stato riconfermato all'unanimità dalla conferenza dei sindaci di Ato e tutti i sindaci hanno chiesto di mantenere a livello provinciale la pianificazione e l'organizzazione del servizio, la determinazione della tariffa e la pianificazione degli investimenti. Ne parleremo con il presidente della Regione Vasco Errani, spero di non essere solo ad avanzare queste richieste".

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di mestesso
    mestesso

    ANCONELLI PDL?! MA NON STA CON QUEL TRADITORE DI FINI?

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -