Forlì, iper. Ascom: "Autorizzazione da cinque anni, perchè ancora non aperto?"

Forlì, iper. Ascom: "Autorizzazione da cinque anni, perchè ancora non aperto?"

Il cantiere dell'ipermercato

"Nessuno ha ancora spiegato il motivo per cui l'ipermercato non ha ancora aperto i battenti: evidentemente non sussistono ragioni di carattere commerciale poiché, come dicevamo, da tempo i promotori dell'Ipermercato avrebbero potuto dare corso all'apertura". La Confcommercio di Forlì torna sulla questione dell'iper: e commentando la presentazione pubblica del sindaco di lunedì scorso al teatro Fabbri, l'Ascom definisce "assai deboli" le proposte per il centro storico.

 

"L'autorizzazione all'apertura del Centro Commerciale di Pieve Acquedotto è stata rilasciata da ben 5 anni - ricorda l'Ascom -. Nessuno ha ancora spiegato il motivo per cui la grande struttura distributiva forlivese non ha ancora aperto i battenti, evidentemente non sussistono ragioni di carattere commerciale poiché, come dicevamo, da tempo i promotori dell'Ipermercato avrebbero potuto dare corso all'apertura".

 

"La questione, oggi all'ordine del giorno, non riguarda l'autorizzazione all'apertura, bensì l'autorizzazione all'ampliamento dagli attuali 14000mq ai 21.500 mq di superficie commerciale della medesima struttura distributiva - prosegue la Confcommercio -. Se da una parte, come ha detto il Sindaco occorre procedere in tempi rapidi alla concessione di ampliamento, sul  Centro Storico assai deboli sono le proposte avanzate dal Sindaco nel corso della serata".

 

"Se la ferita dell'Ipermercato va suturata a breve termine, la ferita rappresentata dal Centro Storico va curata, secondo il Sindaco, con "un pannicello caldo" - prosegue l'associazione dei commercianti -. Il programma sul cuore della Città enunciato dal Sindaco di Forlì riguarda il progetto di ristrutturazione del Mercato Coperto di Piazza Cavour e l'istituzione di un Tavolo di coordinamento riguardante le iniziative di animazione".

 

"Come si può ben capire il centro commerciale di Pieve Acquedotto avrà l'autorizzazione all'ampliamento e quindi potrà a breve agire ed operare - è la conclusione di Ascom -, mentre, sul centro storico non sono previste politiche di rilancio adeguate nè tanto meno investimenti strutturali in grado di rilanciare il Centro della Città".

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di caputese
    caputese

    Chiedetelo alla procura.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -