Forlì, iper sequestrato. Nel mirino i mancati controlli del Comune

Forlì, iper sequestrato. Nel mirino i mancati controlli del Comune

FORLI’ – Le maglie della magistratura si stringono sempre di più attorno all’Amministrazione comunale di Forlì, che finisce nuovamente nella bufera per il nuovo sequestro di tutto il complesso del nuovo iper, compresa la parte già costruita. I carabinieri hanno posto i sigilli su un’area di 70mila metri quadrati su cui doveva sorgere l’immenso centro commerciale che, nei piani del Comune, avrebbe dovuto portare Forlì al pari delle altre città che già da anni possiedono un iper.


Secondo la procura di Forlì che ha disposto il sequestro dell’area, la società ‘Immobiliare Punta di Ferro’ avrebbe violato un accordo di programma stipulato con il Comune; un accordo che obbligava la Conad (che detiene il 100% dell’immobiliare) a costruire solo sui 14.500 metri iniziali destinati al centro commerciale, in attesa che il consiglio comunale desse parere favorevole all’ampliamento ai 21.500 metri (peraltro già concesso dalla Provincia).


Secondo la procura, il Comune avrebbe commesso l’errore di non vigilare su quanto stava avvenendo nel cantiere, così come peraltro disposto dall’accordo di programma, che prevedeva la costituzione di una ‘commissione di vigilanza’ sui lavori del nuovo iper presieduta dall’assessore all’Urbanistica Gabriele Zelli su delega del sindaco Nadia Masini. Una commissione che, dunque, secondo la procura non ha vigilato abbastanza.


Già dopo il primo sequestro dell’area destinata all’ampliamento, avvenuto a settembre, Gabriele Zelli venne interrogato dai carabinieri di polizia giudiziaria e fece notare come la commissione dovesse intervenire solo su denuncia da parte di qualcuno di presunte violazioni. In realtà già nel settembre del 2006 qualcuno insinuò il dubbio che quei lavori fossero regolari; fu Antonio Nervegna, capogruppo di Forza Italia in Consiglio comunale e consigliere regionale. A lui venne risposto che i lavori erano regolari. A quanto pare, dai primi rilievi della procura, non era così.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -