Forlì, Irst. Pinza risponde alla Lega: "Interessati alle vite umane, non alle polemiche"

Forlì, Irst. Pinza risponde alla Lega: "Interessati alle vite umane, non alle polemiche"

Forlì, Irst. Pinza risponde alla Lega: "Interessati alle vite umane, non alle polemiche"

FORLI' - Difende l'Irst, l'istituto oncologico di Meldola, il presidente ed ex vice-ministro Roberto Pinza, dopo l'attacco del segretario provinciale della Lega Nord,  Jacopo Morrone, relativamente agli appalti dell'Irst. I numeri dell'istituto sono molto pesanti. Dice Pinza: "Nell'anno 2010 l'IRST ha avuto in cura più di 8.500 pazienti (6.748 dall'Area Vasta Romagna e 1.761 extra Area Vasta Romagna e extra Regione), garantendo circa 4.400 ricoveri totali".

 

Di questi 1.723 per cittadini forlivesi, 1.404 per cittadini dell'Area Vasta Romagna, 476 per pazienti provenienti dal resto della Regione e 783 dal resto d'Italia e dall'estero. Ha svolto inoltre attività di specialistica ambulatoriale con oltre 74.000 prestazioni per cittadini forlivesi (36.213), dell'Area Vasta Romagna (24.231) ma anche per pazienti provenienti dal resto della Regione (5.602), dal resto d'Italia (7.619) o dall'Estero (333).

 

Quindi Pinza: "La missione dell'IRST non è mai cambiata: realizzare, nell'ambito della lotta ai tumori, attività di Ricerca Traslazionale ovvero un tipo di ricerca capace di produrre risultati rapidamente trasferibili "dal laboratorio al letto del paziente" per raggiungere la migliore integrazione possibile tra ricerca ed assistenza. Fin dalla fase progettuale dell'IRST, l'AUSL di Forlì ha deciso, in piena autonomia, di far gestire all'Istituto attività oncologiche di primo, secondo e terzo livello.  Per quanto riguarda Cesena, Rimini e Ravenna tali prestazioni vengono svolte sulla base di appositi contratti di fornitura ovviamente sottoscritti e condivisi dalle Aziende.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ogni altra considerazione che esuli dall'analisi del valore di questi dati in termini di ricaduta sui cittadini, appare strumentale ed inutile. L'IRST si occupa di dare risposte concrete ad un male che affligge in maniera tanto drammatica migliaia di persone nel nostro territorio: ciò  è riconosciuto a livello scientifico nazionale ed internazionale e dalle nostre popolazioni che sono vicine ai nostri medici ed appoggiano le nostre iniziative. Il resto è polemica che non interessa l'Istituto, impegnato nello scopo di salvare vite umane e migliorare la qualità di vita degli ammalati".

Commenti (5)

  • Avatar anonimo di annibale
    annibale

    @ simy - 03/03/11 - 15.33 siamo a posto....l'hanno detto le iene...

  • Avatar anonimo di simy
    simy

    per rimanere in tema, ieri alle iene c'era un servizio in cui si diceva che facendo una tac a spirale anche sui grandi fumatori si possono riconoscere questi mali anche quando sono all' inizio!

  • Avatar anonimo di Gabri71
    Gabri71

    L'anno scorso tutta la Forlì che conta fu invitata all'IRST per al presentazione del bilancio in positivo, come mai quest'anno nessuno non si è organizzato nulla per rendere pubblico l'ammanco di cassa? Spero solo che questi soloni dell'amministrazione locale non affondino l'IRST

  • Avatar anonimo di annibale
    annibale

    Se ti ammali...muori...ma perchè ti ammali??? Colpa del fumo? della carne di maiale? mi sembrano barzellette per giustificare il business e le donazioni. Mia madre è deceduta dopo che 2 mesi dopo che la PET ed altre analisi erano negative, con gran sorpresa dei "luminari". Ma forse non sanno usare le macchine o leggere i risultati o solo non servono se non per essere vendute. Al vecchio medico condotto bastava guardarti per diagnosticare.

  • Avatar anonimo di perplesso
    perplesso

    ... il bussines del malato oncologico ... perchè cosi tanti malati? vogliamo fare prevenzione e screening piuttosto che cure? (che spesso "prolungano" la vita piuttosto che curare) vogliamo fare ricerca per capire le cause e trovare il modo di prevenire? basta ipocrisia! dobbiamo cambiare rotta!

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -