Forlì: l'Ausl 'insegna' la salute a scuola

Forlì: l'Ausl 'insegna' la salute a scuola

FORLI' - L'Ausl di Forlì entra nelle scuole per promuovere nei giovani sani e corretti stili di vita. Anche quest'anno, infatti, l'Ausl ha predisposto una vasta offerta formativa in materia di educazione alla salute per le scuole primarie e secondarie del territorio forliveseObiettivo principale di questa iniziativa è mettere i giovani nella condizione di poter valutare e scegliere con consapevolezza i comportamenti a tutela della propria salute, acquisendo un'adeguata percezione dei rischi che si corrono nella quotidianità.

 

Il ricco ventaglio di iniziative comprende: corsi di formazione e aggiornamento per docenti, attività di informazione/sensibilizzazione per studenti ed insegnanti, percorsi didattici, laboratori, visite guidate ed attività di consulenza con personale esperto. Le tematiche spaziano dalla prevenzione delle dipendenze da fumo, alcol e droga, alla promozione della salute psico-sessuale, e ancora,  dall'educazione nutrizionale, alla prevenzione degli incidenti stradali e alla diffusione della cultura della sicurezza. Non mancano esperienze a forte impatto emotivo come le visite al carcere, organizzate per far conoscere storie di vita legate alle dipendenze da sostanze  stupefacenti, o  i corsi e gli incontri su argomenti delicati quali la donazione degli organi.

 

«Grazie a questi interventi gli accessi al Consultorio Giovani sono aumentati sensibilmente - spiega Patrizia Galassi, coordinatrice del progetto - attraverso le visite guidate, i ragazzi imparano a riconoscere il Consultorio Giovani e il Centro di ascolto per adolescenti l'Acchiappasogni come punti di riferimento e di ascolto dove rivolgersi per avere aiuto ed appoggio o semplicemente richiedere informazioni. Queste esperienze a contatto diretto con i giovani ci permettono di raggiungere obiettivi di primaria importanza, come le attività di prevenzione rispetto alle gravidanze indesiderate e alle malattie trasmesse sessualmente; ma non solo, ci danno anche la possibilità  di organizzare momenti educativi e di ascolto, appositamente studiati per rispondere alle esigenze dei ragazzi stranieri, incontri che vengono realizzati sempre alla presenza di mediatori culturali, come è avvenuto l'anno scorso con un gruppo di studenti cinesi».

 

Le iniziative di educazione alla salute proposte dall'Azienda U.S.L. di Forlì si svolgono nel quadro del progetto pilota  del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali denominato "Guadagnare Salute" che nasce dall'esigenza di favorire l'adozione da parte dei cittadini di comportamenti quotidiani in grado di contrastare l'insorgenza di patologie croniche, e far aumentare così gli "anni di vita in salute". Il progetto attivato a Forlì vede coinvolti diversi servizi territoriali ed ospedalieri dell'Azienda U.S.L.: il 118, il Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione, l'Area Sanità Pubblica Veterinaria, lo Sportello della Prevenzione, la Pediatria di Comunità, il Consultorio Giovani, il SER.T. il tutto con il coordinamento delle Attività di Educazione alla salute Età Evolutiva.

 

Per Informazioni

Contattare l'assistente sanitaria Patrizia Galassi , Coordinamento delle Attività di Educazione alla salute Età Evolutiva,  al numero di telefono 0543/733115 - 731141.

  

Modalità di partecipazione
Compilare la scheda di adesione disponibile sul sito dell'Azienda U.S.L. di Forlì www.ausl.fo.it nella sezione Ausl per i giovani, alla voce "Progetti scuole" ed  inviarla entro il 15 ottobre 2009 al seguente indirizzo:

AUSL di Forlì 
Coordinamento Educazione alla Salute Età Evolutiva 
Via C. Colombo, 11 - 47100 Forlì 
o via fax al  0543 733154

 

 

 

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -