Forlì, l'Udc contro la violazione della par condicio sui cartelloni stradali

Forlì, l'Udc contro la violazione della par condicio sui cartelloni stradali

Forlì, l'Udc contro la violazione della par condicio sui cartelloni stradali

FORLI' - L'Udc lamenta una violazione della par condicio per i poster elettorali. E' il segretario provinciale Andrea Pasini a rilevare una presunta disparità: "Sulla propaganda elettorale in vista delle prossime elezioni regionali c'è qualcosa che non funziona, in termini di esposizione di cartellonistica: le campagne di comunicazione dell'Udc, veicolate tramite poster 6x3 e cartelli stradali sono state rimosse nei tempi previsti dalla legge, ma non per tutti"

 

Il termine era il 26 febbraio scorso a distanza di 30 giorni esatti dalla data fissata per la tornata elettorale, "mentre ancora oggi, 4 marzo, campeggiano in città poster 6x3 che promuovono il candidato presidente del Pd Vasco Errani, la lista della Lega Nord e altri manifesti di formato minore che riguardano il candidato Pdl Antonio Nervegna".

 

La responsabilità, lamenta l'Udc, sarebbe del Comune di Forlì: "Il paradosso nasce dal fatto che la comunicazione dell'Unione di Centro, realizzata su impianti privati, ha significato costi decisamente più alti, mentre quelle ancora non rimosse, tutte posizionate su impianti pubblici di proprietà del Comune di Forlì, in gestione alla società Gestor, sono state realizzate a costi più contenuti".

 

E ancora: "Non sono certo a rinfacciare qualche voto in più raggrannelato grazie a più giorni di esposizione pubblica, sta di fatto che le regole vanno rispettate e che l'Amministrazione Comunale di Forlì, ad oggi, non ha provveduto a sanare questa anomalia".

 

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di pirpa
    pirpa

    BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -