Forlì, la Cgil in piazza per lo sciopero generale di venerdì

Forlì, la Cgil in piazza per lo sciopero generale di venerdì

Forlì, la Cgil in piazza per lo sciopero generale di venerdì

FORLI' - La Cgil si prepara allo sciopero generale di venerdì 6 maggio. "Anche nel nostro territorio si deve cambiare passo - sottolinea il segretario forlivese Enzo Santolini - con la volontà di istituzioni, imprese e sindacati. La qualità occupazionale è in fortissima depressione e la precarizzazione del lavoro arriva al 90%, superando il dato nazionale". A Forlì si parte da piazzale Della Vittoria alle 9.30 per arrivare in piazza Saffi alle 11.30, dove si terrà il comizio di Santolini.

 

"Trentasei mesi di governo Berlusconi hanno seriamente impoverito il paese. L'economia è depressa, la disoccupazione aumenta così come la pressione fiscale. I lavoratori subiscono l'abbassamento delle tutele e la cancellazione dei diritti. Lo stato sociale è stato tagliato indiscriminatamente. Penalizzati i pensionati, negato il futuro ai giovani, umiliato il lavoro e la dignità delle donne", ecco i motivi dello sciopero, riassunti sul sito nazionale Cgil.

 

"La soluzione concreta sul territorio - spiega Santolini - è quella di dare applicazioni agli accordi sottoscritti con il patto sul lavoro contenuto nel patto per lo sviluppo, firmato dalla Provincia, dai Comuni, da tutte le associazioni di categoria e dai sindacati, dove è specificato come la forma di assunzione normale sia il contratto di apprendistato. Ci aspettiamo una grande partecipazione, perchè la gente è stanca di essere sfruttata".

 

Chiara Fabbri

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di samigidi2
    samigidi2

    tutte cose sante e giustissime, per le quali vale davvero la pena di fare un manifestazione! Ma guardando un poco più nel concreto, nel piccolo, che forse parlando di territorio è più importante e redditizio dove vi siete nascosti quando si parlava dei cinesi che fanno i salotti a Forlì a €5 all'ora? Ripeto fino allo sfinimento quello che mi sfinisco a dire da mesi, anni, ma avete un'idea dei posti di lavoro che sono andati a farsi fottere permettendo a questi di lavorare a forlì, Faenza ecc. ecc. di notte a questi prezzi, di fianco a capannoni dove esistono aziende alle quali un operaio (senza le spese fisse) costa (giustamente) € 22 all'ora? Ma no, va, è meglio fare una bella manifestazione contro Roma, hai visto mai che ci tocchi fasre qualcosa di concreto tipo picchettare di notte queste aziende, tutte arcinote, e di giorno i loro committenti, altrettanto noti!!!!

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -