Forlì, la Confcommercio: "Ok formazione per stranieri, ma nessuna barriera"

Forlì, la Confcommercio: "Ok formazione per stranieri, ma nessuna barriera"

Forlì, la Confcommercio: "Ok formazione per stranieri, ma nessuna barriera"

FORLI' - Test di lingua italiana e formazione obbligatoria per gli stranieri che aprono un'attività commerciale. Sull'argomento interviene Ivano Benazzi di Fipe-Confcommercio: "Su questo argomento dobbiamo avere due certezze: la prima è che non bisogna introdurre nessun tipo di barriera impropria per scoraggiare o impedire l'inizio di una nuova attività imprenditoriale, secondo rafforzare la dose di formazione, compresa la padronanza della lingua italiana"

 

"Nessuna barriera perché questo va contro il principio della democrazia economica e di un mercato aperto alla concorrenza; la seconda, invece, è quella di rafforzare, cosa che già alcune associazioni e federazioni di categoria fanno, la dose di formazione, compresa la padronanza della lingua italiana, nei confronti di questi nuovi imprenditori che in nessun modo devono essere discriminati": questo il commento del presidente della Fipe/Confcommercio Forlì Ivano Benazzi all'emendamento della Lega Nord su test di italiano per gli extracomunitari.

 

"E' altrettanto evidente, conclude Benazzi, che il rispetto delle leggi attuali e la conoscenza di tutto il sistema di norme igienico sanitarie devono essere attuati come condizione imprescindibile per gestire qualsiasi tipo di attività".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -