Forlì, la Lega Nord riconferma: "Chiudere Sapro"

Forlì, la Lega Nord riconferma: "Chiudere Sapro"

Jacopo Morrone (Lega Nord)-3

FORLI' - Tre cartucce della Lega Nord sparate a raffica prima della "sosta" dell'estate. Con una conferenza stampa il segretario provinciale del Carroccio Jacopo Morrone torna sui temi caldi dell'agenda politica e sulla questione Sapro ribadisce la richiesta senza appello del suo partito: fallimento. "L'unica soluzione era quella delineata inizialmente dal sindaco, che poi ha fatto un passo indietro per le pressioni del Pd". Per Morrone Sapro si porta dietro "cinque milioni di euro di interessi l'anno, un peso sulle spalle della città ed è meglio chiuderla".

 

Secondo argomento di Morrone è la Cervese. Il segretario del Carroccio si domanda: "Perché il progetto deve partire da Carpinello e non da Forlì? Non ne capiamo il motivo. Servono interventi immediati e non millantiamo troppo una rotonda a Carpinello che era più che dovuta", spiega. Dubbi anche sulla previsione di insediare in futuro una zona artigianale tra l'autostrada, Carpinello e la via Cervese: "La Cervese è già pericolosa col traffico che ha", dice  Morrone.

 

Che riserva le ultime dichiarazioni per l'aeroporto Ridolfi. Qui la linea della Lega non è quella della chiusura, come per Sapro, "ma quella di una privatizzazione necessaria per risollevarlo". Torna sulla polemica innescata dalle parole dell'assessore regionale alle Attività produttive Gian Carlo Muzzarelli (che vorrebbe realizzarci uno scalo merci per i cargo diretti verso la Cina): "Muzzarelli ha parlato senza chiedere nulla al territorio, senza neanche informare del suo progetto il presidente dell'aeroporto, è la solita decisione presa a Bologna".

Commenti (5)

  • Avatar anonimo di stefano
    stefano

    Caro Steno sei un bell'illuso. Le banche, si sa, salvano solo se stesse ed hanno interesse che i comuni buttino altri soldi nel pozzo senza fondo di Sapro solo perchè così sperano di rientrare prima e in modo più sicuro dei soldi prestati...ma il cittadino contribuente ci rimette. Se fallisce invece verrebbe nominato un curatore fallimentare (dal tribunale e non dai partiti) che liquiderebbe il capitale e salderebbe i debiti senza però chiedere più soldi pubblici...forse le banche rischierebbero di rimetterci qualcosa, ma il contribuente no.

  • Avatar anonimo di steno
    steno

    Vorrei sapere una cosa, ma se le banche sono disposte a salvare la sapro e il comune non ci mette più di quel che aveva detto che avrebbe messo nell'eventuale piano di salavataggio già presentato, anche perchè di soldi non ce nè......Qual'è il problema? Sicuramente sono in tanti che sperano che la Sapro fallisca le motivazioni bisognerebbe capirle, il bene delle casse del comune penso sia l'ultimo dei pensiei di questi GUFI!!!!

  • Avatar anonimo di pecoranera
    pecoranera

    Già non è mica in anticipo come chi ha dato la propria parola ,poi ha fatto un passo in dietro ,causa (pressioni non ben identificate), poi ha rifatto un passo avanti , poi di nuovo indietro , poi laterale , poi ? PIROETTA ?!

  • Avatar anonimo di steno
    steno

    stavolta la Lega mi sembra un pò in ritardo sui temi tutte cose già dette e gia sentite.....

  • Avatar anonimo di me
    me

    per voi e' piu facile cosi!!!!!!!!!!!!!!!!!

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -