Forlì, la Lega Nord: "Strategica la partecipazione nelle terme di Castrocaro"

Forlì, la Lega Nord: "Strategica la partecipazione nelle terme di Castrocaro"

FORLI' - La presenza degli enti pubblici nella società di gestione delle terme di Castrocaro è strategica per il capogruppo della Lega Nord in Provincia Gianluca Zanoni, che ricorda che alla Provincia detiene, fra le svariate partecipazioni, anche una quota del 10,20% delle Terme S.p.A. di Castrocaro Terme.

 

"A gennaio 2010 il nostro gruppo ha presentato una interrogazione, per richiedere se la partecipazione della Provincia alle Terme S.p.A. rischia di essere dichiarata non strategica, quindi vendibile, tenendo conto che l'eventuale cessione a privati provocherebbe la perdita della maggioranza detenuta dagli Enti Pubblici, Comune, Provincia e Regione, con conseguenze tutte da valutare, ma che non lascerebbero tranquilli i diretti interessati di Castrocaro; questa la sostanza del quesito posto al Presidente della Provincia".

 

"La risposta è stata più che confortante -continua il capogruppo Lega-, nel senso che la partecipazione alle terme di Castrocaro risulta strategica per il Comune stesso, quindi la Provincia deve e vuole mantenere il massimo rispetto per questa condizione; il Presidente Bulbi è politico di grande esperienza e comprende benissimo le regole fondamentali, anche se non scritte, che devono guidare i rapporti fra gli Enti Locali ai vari livelli".

 

"Qualsiasi ipotesi di soluzione diversa dall'attuale, in ordine alle Terme in questione -aggiunge Zanoni-, deve tenere conto delle esigenze dei vari attori che operano nel settore termale e turistico, dai lavoratori del complesso termale agli operatori del turismo, senza dimenticare tutte le attività indotte, tenendo conto che queste figure lavorative ed imprenditoriali rappresentano una parte rilevante dell'economia del Comune di Castrocaro Terme e Terra del Sole; per tale motivo qualsiasi decisione riguardi le Terme dovrebbe, secondo me, passare attraverso un percorso che coinvolga tutti i cittadini, fino ad una soluzione ragionata e condivisa con i diretti interessati, attraverso una o più assemblee ed un quesito referendario".

 

"La Provincia ha già dato prova di conoscere e condividere, aldilà del colore delle Amministrazioni, questi concetti "conclude l'esponente leghista", che attengono alla necessità del massimo coinvolgimento popolare, soprattutto per le questioni che possono modificare l'assetto del tessuto economico e lavorativo delle comunità locali".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -