Forlì, la Vem cade all'ultimo secondo. Fortitudo in LegaDue

Forlì, la Vem cade all'ultimo secondo. Fortitudo in LegaDue

Forlì, la Vem cade all'ultimo secondo. Fortitudo in LegaDue

FORLI' - Un secondo nella vita può sembrare nulla come un'eternità. Un secondo, l'ultimo di 2400, intensi, ricchi di tensione e colpi di scena, tanto è bastato alla Fortitudo per espugnare il PalaCredito di Forlì e conquistare la LegaDue. La Vem Sistemi è riuscita persino a ricucire uno strappo di -12. Quando la vittoria sembrava a portata di mano sull'80-77, Lamma a 35 secondi (due su due dai liberi) e Malaventura all'ultimo istante hanno trascinato la Effe in LegaDue.

 

> GALLERIA FOTOGRAFICA

 

Biglie di lacrime sono uscite a fiotti dagli occhi tristi dei forlivesi, illusi prima e beffati poi. "Non ci posso credere", "è impossibile". A freddo la resa dei conti. Il parquet ha incoronato felsinei. Anche loro increduli davanti al miracolo dei loro beniamini. Forlì cosa ha da recriminare? Nulla. Ha dominato la regular seasion, affrontando poi i playoff sugli scudi nonostante un ‘Toto' Forray acciaccato e la pesante assenza di Federico Lestini, out dal match di esordio della fase finale contro Comark Treviglio.

 

Dietro un punto ci possono esser tantissime interpretazioni sulla prestazione della Vem. Troppi rimbalzi offensivi concessi, brutta difesa su pick and roll, gestione errata di coach Gianpaolo Di Lorenzo nella chiamata di alcuni timeout. Sull'azione finale probabilmente sarebbe servita la marcatura a uomo di Forray su Malaventura. Ma con il condizionale non si va da nessuna parte. E' andata così, una sconfitta per 80-81 che brucia tantissimo. Strepitoso Forray, con 28 punti e sette assist. In casa Amori, Malaventura a parte, ottime le prestazioni di Lamma (14 punti), Muro ed il sorprendente Quaglia, che ha ben sostituito Cittadini (usato con il contagocce per effetto dei falli commessi).

 

Ripercorrendo il film della partita, il primo quarto si è chiuso nel segno di Forlì per 24-19. Ad aprire le danze, dopo un minuto e 44 di gioco un contropiede di Forray, festeggiato con una pioggia di coriandoli che ha richiesto alcuni minuti di sospensione. Su fallo di Sorrentino, Frassineti si è guadagnato due liberi per il primo break Vem di 4-0. Immediata la reazione della Effe con Gigena a segno su assist di Cittadini.

 

Sull'8-4 a favore dei padroni di casi, di cui sei dell'indiavolato Forray, la Fortitudo ha messo il turbo con un break pesante di 9-0 culminato da una tripla di Lamma che ha costretto a 4:38 dal termine alla chiamata del timeout da parte di Di Lorenzo. La pausa ha fatto più che bene ai biancorossi, soprattutto a Frassineti, protagonista insieme a Forray e Tassinari del contro break di 15-3, culminato sullo scadere da un tiro da metà campo sparato da Tommasini che ha lasciato increduli i 5mila del PalaCredito.

 

Il secondo quarto si è aperto nel segno di Micevic, che ha riportato l'Amori Bologna in un battito di ciglia sul 24 pari. Il terzo fallo di Cittadini, che ha regalato due liberi a Farioli per il 26-24, ha costretto coach Finelli a richiamare il numero 7 in panchina per Quaglia. Trascinata dalla mano calda di Masciadri (cinque punti di fila), dalle penetrazioni di Forray e da un bel canestro di Villani, Forlì ha costruito un tesoretto di +6. Ma con un incredibile parziale di 9-2 l'Amori è tornata in vantaggio. Nei minuti finali sale in cattedra Muro, portando la Effe a suon di triple la ‘Effe' sul 46-40.

 

La tripla ad inizio ripresa di Forray per il 43-46 è stato un lampo di illusione. Da lì in poi blackout totale, con i felsinei pronti ad infierire non solo dai 6.25 ma anche con giochi da tre punti. Il massimo vantaggio è stato segnato da Gigena (45-57), poi finalmente Farioli ha rotto il lungo digiuno della Vem segnando e subendo il quarto fallo di Cittadini. Forlì è riuscita da quel momento a riprendere il filo del discorso con il canestro, riuscendo a chiudere il terzo quarto con uno scarto di cinque punti (60-65).

 

Avvincenti e ricchi di emozioni gli ultimi dieci minuti della stagione, con la Vem aggressiva capace trovare la parità a due minuti dalla fine sul 74-74. Nei 120 secondi finali out Villani e Cittadini per cinque falli. Forray con un parziale incredibile di 12-3 ha riportato in vantaggio Forlì (76-74). Muro ha risposto con una tripla per il 76-77 a 60 secondi dalla fine. Forray ha continuato a segnare, mentre Farioli ha portato la Vem sul 80-77 dopo aver subito fallo da Quaglia, costringendo Finelli a chiamare timeout.

 

Al rientro, nonostante la bolgia del PalaCredito, l'Amori ha conservato la necessaria concentrazione, prendendosi con Lamma due tiri dalla lunetta per l'80-79. Ultimo possesso palla per Forlì, mal gestito sotto canestro. Muro ha così servito a sei secondi dalla sirena l'assist per Malaventura, che, sul finire di lana, da posizione squilibrata, ha realizzato l'incredibile canestro che è valso la LegaDue.

 

Ed è subito partita la festa sotto il settore riservato ai mille giunti da Bologna. Protagonista Muro, che si è arracampicato sul canestro scatenando la tifoseria biancoblù. Dall'altra parte disappunto e gesti di stizza, con piccola parte dei suppoter biancorossi che hanno lanciato oggetti (tra cui alcune sedie) sul parquet e fumogeni. Qualcuno ha tentato l'invasione di campo, ma subito sono entrate in azione le forze dell'ordine in tenuta antisommossa che non ha risparmiato qualche colpo di manganellata.

 

VEMSISTEMI FORLI' - AMORI FORTITUDO BOLOGNA 80-81

Forlì: Farioli
12 (1/4, 1/1, 7/7), Tommasini 3 (0/2, 1/1, 0/0), Tassinari 6 (3/6, 0/2,0/0), Poletti 3 (1/4, 0/0, 1/2), Villani 4 (2/4, 0/2, 0/1), Frassineti 16 (4/9, 1/6, 5/8), Ravaioli ne, Masciadri 8 (1/4, 2/2, 0/0), Servadei ne, Forray 28 (8/11, 1/5, 9/9). All.: Di Lorenzo.
Amori: Muro 9 (1/5, 2/5, 1/2, 4 assist), Malaventura 26 (2/3, 6/7, 4/5), Borra ne, Cittadini, Gigena 11 (4/8, 0/1, 3/3, 8 rimbalzi), Lamma 14 (2/4, 2/3, 4/4), Genovese ne, Quaglia 11 (2/3, 0/1, 7/9), Sorrentino 4 (2/2, 0/2, 0/0), Micevic 6 (1/2, 1/1, 1/2). All.: Finelli.

Parziali: 24-19, 40-46, 60-65, 80-81
Arbitri:
Vaccarini, Riosa
Spettatori: 5.000
Tiri da due: Forlì 20/43 (47%), Amori 14/30 (47%)
Tiri da tre:  Forlì 6/19 (32%), Amori 11/20 (55%)
Tiri liberi: Forlì 22/27 (81%), Amori 20/25 (80%)
Rimbalzi: Forlì 34 (18+16), Amori 34 (23+11)
Recuperate/Perse: Forlì 22/13, Amori 13/22
Assist: Forlì 14, Amori 13
Valutazione: Forlì 96, Amori 89


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -