Forlì, le polveri derivano per il 45% dalle industrie e il 43% dal traffico

Forlì, le polveri derivano per il 45% dalle industrie e il 43% dal traffico

Forlì, le polveri derivano per il 45% dalle industrie e il 43% dal traffico

FORLI' - Forlì è tra le città che attueranno il blocco del traffico in Val Padana domenica 28 febbraio. Dal punto di vista operativo il provvedimento ricalca le modalità previste per i giovedì anti-smog: le limitazioni saranno in vigore dalle 10 alle 18 e, nella stessa giornata, si svolgerà regolarmente la sfilata dei carri di carnevale. Secondo una ricerca dell'Arpa le emissioni di Pm10 derivano traffico veicolare (43%), riscaldamento (11%), attività industriali (45%).

 

Sarà un blocco solo simbolico: già per i giovedì senz'auto il Comune ha scelto, infatti, di lasciare marmitte libere in tutta la periferia e lungo diverse strade principali del centro, limitando di fatto la circolazione solo in corso della Repubblica e pochi vicoli secondari. Commenta l'assessore all'Ambiente Alberto Bellini: "Il problema della qualità dell'aria del nostro Comune è un tema importante e complesso per il quale non esistono ricette semplici".

 

A Forlì, secondo le stime dell'Arpa, le principali cause di emissione di Pm10 sono gli allevamenti (2%), traffico veicolare (43%), riscaldamento (11%), attività industriali (45%). Queste le ricette del Comune: per il traffico, spiega una nota dell'assessore Bellini, "si intende agire su due aspetti: incentivare una nuova mobilità per il centro storico e incentivare l'utilizzo dei mezzi pubblici: i mezzi pubblici verranno incentivati attraverso la disponibilità, oltre alle linee ordinarie, di un servizio aggiuntive gratuito che collegherà la stazione ferroviaria al parcheggio Montefeltro, attraversando il centro storico con fulcro in Piazza Saffi".

 

E poi ancora: parcheggi scambiatori, car sharing, bike sharing. In una giornata lavorativa il flusso di automobili che circolano nel centro storico nell'arco della giornata è pari a 10 mila, a fronte di circa 4.300 posti auto disponibili (all'interno dei parcheggi del centro storico e di quelli a ridosso della circonvallazione) e di 3.000 posti auto sulle strade. Sul riscaldamento si parla di riqualificare energeticamente gli edifici.

 

Il giro di vite del Comune sulle attività produttive, infine, usa la leva della "fiscalità ambientale", ovvero incentivi per la riduzione delle principali sorgenti. E ancora: organizzare le attività produttive per concentrare i periodi di fermo impianto nei mesi invernali.

 

Commenti (11)

  • Avatar anonimo di buonsenso
    buonsenso

    comunque è impossibile non vedere quanto Vasco Errani sia amato dalla gente..inpossibile..lunedì mattina, a Forlì, ha tenuto diverse conferenze, poi è andato in mezzo alla gente, al mercato, è entrato nei bar, avreste dovuto vedere quante persone gli hanno stretto la mano, lo hanno cercato, quante signore lo hanno abbracciato! quanti cittadini lo salutavano! Errani è amatissimo dalla gente..è innegabile! si sentivano mormorii: "Vasco di qua'...Vasco di la'..pss c'è Vasco Errani!". tanto è vero che si è creata la coda per potergli stringere la mano! Se è così amato un motivo ci srà pure... o no?

  • Avatar anonimo di buonsenso
    buonsenso

    Buongiorno SCHIETTO , sono molto contento di metterle addosso il buon umore!! lo dico senza vena polemica...è ovvio che lei è libero di commentare qualsiasi cosa, perciò, se è contrario o ha delle riserve sulle mie opinioni le esprima. Inoltre Errani non è un dittatore, perciò, credo proprio che possa esprimere anche sue eventuali riserve sul Presidente naturalmente..lo faccia pure..nessuno glielo vieta...qui siamo , in fin dei conti, tutte persone di "buonsenso"!

  • Avatar anonimo di schietto
    schietto

    ps: la cosa più divertente è quando uno manda un post tutto in maiuscolo come se urlasse come un dannato, non sa la differenza tra un punto e un punto esclamativo e soprattutto lo conclude con "UAHUAHUAHUAHAUAHAH!!!", ma almeno certe macchiette ti mettono di buon umore la mattina

  • Avatar anonimo di schietto
    schietto

    Io lo leggo sempre sto giornale e lo leggiamo praticamente tutti in ufficio (siamo una ventina)... però solo io commento, gli altri dicono che non lo fanno perché tanto è inutile mischiarsi con delle persone che non riescono a fare dei ragionamenti da persone normali... questo nuovo "buonsenso", poi, fa proprio ridere, abbiamo visto che da due giorni bombarda tutte le notizie con dei commenti che sembrano scritti dall'ufficio stampa di vasco errani... e ci stiamo sbellicando dalle risate

  • Avatar anonimo di J. Dorian
    J. Dorian

    @buonsenso Infatti secondo me non lo legge nessuno 'sto giornale, però si sostiene da solo (credo ...) con la pubblicità, e questo è lodevole.

  • Avatar anonimo di buonsenso
    buonsenso

    IN QUESTO SITO CIRCOLANO SEMPRE GLI STESSI NOMI: SAREMO SI E NO UN 15-20 PERSONE A COMMENTARE!!! SIAMO SEMPRE GLI STESSI!!!! UAHUAHUAHUAHAUAHAH!!!

  • Avatar anonimo di pecoranera
    pecoranera

    ESATTO...e non ho capito ancora il perchè non possano circolare auto a metano !!!!qualcuno me lo sa spiegare ?

  • Avatar anonimo di maumau
    maumau

    Controllate bene l'ordinanza. Le auto a metano e gpl a Forlì non girano. Unica città in regione a prendere questa decisione. Girano solo le elettriche e ibride ma no metano e no gpl. Leggete bene....

  • Avatar anonimo di buonsenso
    buonsenso

    questa volta concordo perfettamente con te Dorian!! di sicuro non è con il blocco totale del traffico una volta a settimanaq che si risolve il grave problema dell'inquinamento!! Esso potrebbe essere risolto solo con scelte durevoli nel tempo..con progetti di lungo periodo...

  • Avatar anonimo di J. Dorian
    J. Dorian

    Auto a metano, la tecnoclogia già c'è. Punto e basta. Esempio: tariffe parcheggio gratis a chi ha l'auto a metano in centro (2 euro all'ora per benzina, 1 a GPL, 0,5 euro per chi va a metano, gratis l'elettrica). E poi prendere decisioni nel lungo periodo, e tenerle ferme. Tipo (è solo un esempio) fra 5 anni si va in centro solo con auto a metano o elettrica, e incentivi a gogo a chi la vuole comprare auto a metano e non se lo può permettere. Fra 5 anni il problema dell'inquinamento sarebbe risolto, e per sempre. Cosa accettabile, direi.

  • Avatar anonimo di Marilena
    Marilena

    Mi sono illusa, per qualche giorno ho pensato che la mia città domenica 28 potesse essere percorribile a piedi o in biciclette. Non è così...! Si ripete la sceneggiata dei giovedì. Capisco Assessore...! E' difficile prendere decisioni importanti...

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -