Forlì, lotta al degrado nei parchi: multati tre padroni di cani

Forlì, lotta al degrado nei parchi: multati tre padroni di cani

Forlì, lotta al degrado nei parchi: multati tre padroni di cani

FORLI' - Continua senza tregua la lotta al degrado ambientale e al malcostume della Polizia Municipale di Forlì. Dopo i ritrovamenti dei giorni scorsi di ingenti quantità di eternit abbandonato sulle strade, i vigili di Quartiere hanno intensificato anche i controlli relativi all'imbrattamento dei marciapiedi e dei parchi con gli escrementi dei cani. Dopo un'intensa campagna preventiva, giovedì gli agenti sono passati ai fatti, punendo tre padroni di cani.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Complessivamente i vigili di quartiere hanno controllato quindici persone. Anche questa tipologia d'intervento che in apparenza può sembrare di modesto valore sociale in realtà fa parte del sistema di ampliamento e diffusione della Cultura alla Legalità di cui l'Amministrazione Comunale di Forlì è cultrice.

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di pecoranera
    pecoranera

    Sono d'accordo! finalmente! si devono civilizzare tutti ! non c'è niente di più bello del tenere un cane nel rispetto delle regole.Ormai finivano er sembrare dei disadattati quelli col sacchettino ..

  • Avatar anonimo di angeloB
    angeloB

    Era ora che cominciassero un pò di controlli. Speriamo che non si limitino al solito "parco urbano" e abbiano tempo di passare ogni tanto anche nel parco di Via Dragoni dove il Comune da decenni si fa prendere in giro mettendo divieti che nessuno si sogna di rispettare tanto nessuno controlla. E' peggio di un velodromo e sarebbe proibito usare la bici, divieto di portare i cani fuori dal percorso ma meticci, doberman e simili scorazzano a loro piacimento. Il parco dovrebbe essere pubblico ma, di fatto, c'è una zona, tra via Pratella e Via Minguzzi, d proprietà esclusiva di una banda di 15/20 persone ( anche qualche adulto) che giocano a calcio tutti i pomeriggi per 4/5 ore tirando cannonate fortissime e senza preoccuparsi di chi sarà colpito. Un bambino è stato abbattuto domenica scorsa e una anziana signora è stata sfiorata da una pallonata tremenda mentre era seduta su una panchina. Distruggono gli alberi, l'erba è ormai rasata e i loro urli, le parolacce e le bestemmie probabilmente si sentono fino al Ronco. Della sporcizia che viene lasciata in giro meglio non parlarne. Che sia la volta buona che il Comune voglia far rispettate i divieti che giustamente pone? Per evitare un degrado che, senza azioni positive, potrebbe diventare inarrestabile.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -