Forlì, maxi provincia Romagnola. Il vicesindaco resta sulla Regione autonoma

Forlì, maxi provincia Romagnola. Il vicesindaco resta sulla Regione autonoma

Forlì, maxi provincia Romagnola. Il vicesindaco resta sulla Regione autonoma

Il Sindaco di Forlì lancia la proposta della maxi provincia romagnola ed il vicesindaco, Giancarlo Biserna, ribadisce "di essere favorevole non solo al referendum sulla Regione Autonoma, ma alla Regione stessa, anche l' Italia Dei Valori di Forlì e Cesena lo è". Ma c'è un nocciolo del problema: "noi romagnoli, tutti, destra-sinistra-centro siamo soli, soli contro tutti". Biserna accusa la politica "di usare questo tema l' un contro l' altro, senza radicarlo tra la gente".

 

"Vengo molto tirato per i capelli sulla questione Regione Romagna -afferma - mi si dice addirittura che mi tiro indietro io. Purtroppo anche su questa vicenda non c' è ne chiarezza ne trasparenza da parte di tanti, non mia. Quando si è soli si dovrebbe cercare di stare uniti noi su questo tema, noi romagnoli. Ed è qui che mancano la politica e il coinvolgimento dei cittadini romagnoli che all'unisono dovrebbero fare sentire fuori la loro esigenza di Regione Romagna. Ebbene, sono pronto a ricredermi se l' on.Pini otterrà dei risultati, anzi lo applaudirò".

 

"In tale contesto in diverse sedi, interne ed esterne, - afferma Biserna - ho proposto l'alternativa della città metropolitana non certo per nascondermi, ma perchè è una alternativa significativa, anzi ha più possibilità di trovare unità tra noi romagnoli, e il PD la vede sicuramente meglio. Ma anche qui noi romagnoli siamo soli. Fuori, in Emilia e in Italia non ci sentono. L' unico modo è che noi diventiamo compatti, e la città metro ha più possibilità di compattarci".

 

 

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di mm77
    mm77

    https://www.romagnaoggi.it/forli/2010/3/6/153953/ Come non detto, prendiamo atto di questo clamoroso dietrofront. Si vede che paga bene. Peccato, anche l'IDV è una speranza stroncata.

  • Avatar anonimo di mm77
    mm77

    Tranquillo sig. Biserna sono tanti i romagnoli "soli" ai quali non si vuole dar voce, siamo la maggioranza. Proprio per questo chi deve affari a Bologna nega l'esercizio di un democratico referendum sancito dalla Costituzione. Non molli, noi romagnoli tutti non lo faremo, andremo a vanti finchè saremo una Regione al pari delle altre, vedendoci finalmente restituita quella dignità che ogni giorno vediamo oltraggiata da chi ci denigra.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -