Forlì: Minutillo confermato segretario della Destra. "Possiamo battere la sinistra"

Forlì: Minutillo confermato segretario della Destra. "Possiamo battere la sinistra"

Forlì: Minutillo confermato segretario della Destra. "Possiamo battere la sinistra"

FORLI' - Francesco Minutillo è stato confermato alla presidente della Destra di Forlì-Cesena. Lo ha eletto per acclamazione il congresso che domenica si è svolto all'Hotel Globus a Forlì alla presenza di atrizia Ricci, incaricata dalla segreteria nazionale di seguire i lavori dell'assise forlivese.

 

"Siamo nati a novembre dello scorso anno - ha osservato Minutillo -. In dodici mesi siamo stati chiamati a tutto: ad organizzare il partito, a sostenere l'enorme impegno di una campagna elettorale quale quella delle ultime elezioni politiche, a riprendere in mano i nostri iscritti e simpatizzanti quest'estate e, adesso, ad organizzare la stagione congressuale, sia locale sia nazionale".

 

"Solo degli uomini veramente di destra potevano trovare le energie, le capacità, le convinzioni e la passione politica necessarie per riuscire a superare, brillantemente, tutte le difficoltà che ci erano state poste innanzi - ha aggiunto Minutillo -. Noi possiamo orgogliosamente dire di avercela fatta. E, su tutto, lo dimostrano i settemila cittadini che ci hanno votato nella nostra provincia, dopo una campagna di primissimo livello, degna di un partito ben maggiore fatta da decine di interventi televisivi, decine di comizi, centinaia di migliaia di manifesti e materiali informativi affissi e distribuiti".

 

Per Minutillo è il momento di guardare al futuro, che significa elezioni amministrative del 2009. Una sfida alla quale "ci appresteremo con la convinzione di avere sulle spalle l'impegno storico di essere l'unico partito di destra rimasto in Italia, e nella nostra provincia - osserva Minutillo; l'unico partito che non può essere comprato da nessuno perché costituito di sola passione ed ideali genuini".

 

"Crediamo che a livello locale ci siano tutti i presupposti per cambiare, dopo sessant'anni di regime, il governo delle amministrazioni, soprattutto in certe realtà come Forlì - è l'analisi di Minutillo -. Il risultato è a portata di mano ma il destino dei romagnoli sarà legato al senso di responsabilità degli altri partiti del centrodestra".

 

Un messaggio diretto agli alleati del Pdl e della Lega: "il centrodestra potrà vincere solo se saprà essere unito in una grande coalizione, dove ogni partito abbia, con il suo simbolo, pari dignità, guidata da candidati a sindaco veramente credibili, preparati e, soprattutto, diffusamente condivisi".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Diversamente la politica dell'orticello, che mi sembra cara - ma spero di sbagliarmi - ai vertici del PDL e della Lega - aggiunge Minutillo -, che ogni giorno si mostrano sempre più veri e propri eredi di quella politica consociativa che apparteneva alla defunta DC, porterà unicamente, ancora una volta, la sinistra al potere. Sarebbe il nostro peggior incubo. Non abbiamo perso la fiducia. I nostri sogni sono ben diversi. Come piace dire a noi: se puoi sognarlo, puoi farlo". 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -