Forlì, mobile imbottito. Pini (Lega): "alla Camera primi interventi contro la concorrenza sleale"

Forlì, mobile imbottito. Pini (Lega): "alla Camera primi interventi contro la concorrenza sleale"

Forlì, mobile imbottito. Pini (Lega): "alla Camera primi interventi contro la concorrenza sleale"

"Domani alla Camera proveremo a dare una prima risposta chiara con un provvedimento di legge specifico sul made in Italy a tutela del mobile imbottito. Sono due gli emendamenti a mia firma che saranno votati dall'aula di Montecitorio, mi auguro con l'unanimità di tutti i gruppi". Lo annuncia, Gianluca Pini, deputato leghista forlivese che, in linea con quanto espresso dal Ministro Maroni, sta predisponendo una serie di interventi volti a stroncare la concorrenza sleale.

 

Interventi che, spiega il leader romagnolo del Carroccio, riguarderanno non solo nel settore del mobile imbottito ma anche in quello del tessile e del calzaturiero.

 

"Ci stiamo muovendo su due fronti - spiega Pini - uno, immediato, è quello di una regolamentazione rigida per l'utilizzo della denominazione made in Italy mentre l'altro riguarda un nuovo regime sanzionatorio, anche di natura penale, per chi utilizza lavoratori clandestini, minori o sfrutta comunque il lavoro nero."

 

L'on. Pini, che alcune settimane addietro aveva incontrato le due artigiane vittime della concorrenza sleale e con loro aveva discusso di queste proposte, coglie l'occasione per invitare nuovamente le associazioni di categoria a far pulizia tra i propri iscritti "Mi pare che la questione morale interna ad una certa associazioni sia lontana dall'essere risolta. Se Confindustria, API e Confartigianato hanno dato prova di reagire prontamente al problema, la CNA (che associa decine e decine di aziende cinesi)non mi pare aver applicato alcun repulisti, quasi a voler dimostrare che la strada da seguire possa essere quella di "redimere" questi concorrenti sleali anziché espellerli dal mercato"

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -