Forlì, molesta due studentesse a pochi passi dal centro. Dopo l'arresto scoppia in lacrime

Forlì, molesta due studentesse a pochi passi dal centro. Dopo l'arresto scoppia in lacrime

Forlì, molesta due studentesse a pochi passi dal centro. Dopo l'arresto scoppia in lacrime

FORLI' - I Carabinieri l'hanno bloccato mentre si stava rifugiando in casa. Poco prima, nel giro di dieci minuti, ha molestato sessualmente due studentesse fuorisede. La prima di 22 anni, la seconda di 23. Nei guai è finito un energumeno bengalese di 33 anni, in Italia da cinque anni, con un regolare lavoro in un'impresa di pulizie, sposato e con la moglie in dolce attesa. Ora si trova in carcere con la pesante accusa di violenza sessuale continuata.

 

I fatti sono avvenuti nella nottata tra sabato e domenica a Forlì, a pochi passi dal centro. Era circa l'una quando l'individuo, fino in quel momento incensurato, ha preso di mira una ventunenne che in bicicletta stava percorrendo Corso della Repubblica in direzione di Piazzale della Vittoria. L'ha importunata, con apprezzamenti a sfondo sessuale. La ragazza, impaurita, ha accelerato il passo, ma in una zona poco illuminata, nei pressi della pensilina della fermata del bus del Parco della Resistenza l'uomo le è saltato addosso.

 

L'energumeno le ha afferrato le braccia. Poi le ha palpeggiato violentemente i seni. La vittima ha reagito, colpendo il molestatore con un mazzo di chiavi. A quel punto l'individuo si è dato alla fuga, mentre la giovane ha dato l'allarme ai Carabinieri. Ai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile, guidati dal tenente Cristiano Marella, ha subito indicato che l'aggressore indossava una camicia rosa. Ed è stato proprio questo particolare che ne ha permesso l'immediata cattura.

 

Una pattuglia della stazione del Ronco, capitanata dal maresciallo Armagno, ha bloccato il molestatore mentre stava entrando in casa, nella zona di viale Matteotti. La ventunenne non ha esitata: "E' lui". Poco dopo un'altra ragazza 23 anni, si è avvicinata agli uomini dell'Arma, denunciando di esser stata palpeggiata violentemente ai seni mentre si stava dirigendo verso viale Matteotti. E anche lei ha riconosciuto il suo aggressore.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quest'ultima è dovuta ricorrere alle cure del pronto soccorso. I medici le hanno riscontrato ecchimosi ai seni e contusioni al braccio e ad una gamba. Ne avrà per sette giorni. Al momento dell'arresto il 33enne è scoppiato in un pianto a dirotto. Ora si trova in carcere a disposizione del pm Vincenzo Bartolozzi. Gli investigatori non escludono che il bengalese possa esser il soggetto che in passato si era reso protagonista di episodi di esibizionismo in piazzale della Vittoria.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -