Forlì, Morrone (Lega Nord): "Mozione nei consigli per discutere di infiltrazioni mafiose"

Forlì, Morrone (Lega Nord): "Mozione nei consigli per discutere di infiltrazioni mafiose"

Forlì, Morrone (Lega Nord): "Mozione nei consigli per discutere di infiltrazioni mafiose"

FORLI' - Il segretario provinciale della Lega Nord Forlì - Cesena , Jacopo Morrone, annuncia la presentazione e la successiva discussione in tutti gli enti locali dell'ambito provinciale Forlivese - Cesenate, di una Mozione riguardante le possibili iniziative di contrasto alle mafie da parte degli Enti Locali.

 

"La Consulta nazionale di Anci Giovane, la sezione dei giovani Amministratori locali, ha elaborato un testo da sottoporre a tutte le Amministrazioni chiedendo di votare una mozione che impegni i Comuni sia a costituirsi parte civile in quei procedimenti contro la mafia che coinvolgano i rispettivi territori di competenza, sia a promuovere sul territorio iniziative concrete di contrasto alle mafie, nonché di sviluppo della legalità e della trasparenza da parte degli Enti Locali."

 

"Il documento proposto dalla Consulta - prosegue lo stesso Morrone-  ci ha trovati completamente d'accordo, tanto da ritenere opportuno di sottoporlo all'attenzione ed all'approvazione di tutti gli Enti Locali dove siamo rappresentati."

 

"La Mozione, in linea con l'impegno costante del Ministero dell'Interno e con i recenti nonché importanti successi nel contrasto alla criminalità organizzata, ribadisce la necessità di affiancare all'azione della magistratura e delle forze dell'ordine iniziative culturali e politiche sul territorio, decentrando l'opera di contrasto alle mafie attraverso l'utilizzo di tutti quegli strumenti messi a disposizione dagli Enti Locali, al fine di sostenere e aiutare il sistema imprenditoriale e i singoli cittadini nella resistenza e nella lotta alle diffuse azioni criminali riscontrabili sul territorio."

"Per dare un segnale forte di contrasto alla criminalità organizzata in tutte le sue forme e su tutto il territorio nazionale - rimarca il giovane esponente del Carroccio - si chiede ai Comuni di costituirsi parte civile nei processi contro le attività criminose di stampo mafioso afferenti il proprio territorio, di utilizzare tutte le prerogative assegnate ai Sindaci ed ai Comuni per iniziative ispirate a principi di trasparenza e legalità, di contrasto a ogni forma di abusivismo, spaccio di droga, sfruttamento della prostituzione, gioco d'azzardo e altre attività criminali.  In aggiunta si chiede di elaborare soluzioni di sensibilizzazione, rivolte in particolar modo ai più giovani, per stigmatizzare la problematica in questione ed avvicinarli alle Istituzioni."

"Ribadiamo la nostra volontà di costituirci strumenti attivi in questa nobile campagna, sponsorizzata e promossa da Anci giovane,  per sensibilizzare l'opinione pubblica su una tematica che coinvolge, per tutti gli aspetti che implica, sia la sfera sociale che quella politica."

 

 

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -