Forlì, morte Satanassi. Il sindaco Balzani: "Se ne va un pezzo del Novecento"

Forlì, morte Satanassi. Il sindaco Balzani: "Se ne va un pezzo del Novecento"

Roberto Balzani-4

"Con Angelo scompare un grande personaggio della Forlì del Novecento: amministratore intelligente e dall'intuito politico spiccato, inesausto analista dei problemi locali e nazionali, ragionatore vero e appassionato". E' il ricordo del sindaco di Angelo Satanassi, ex sindaco di Forlì morto venerdì, che tratteggia il sindaco della città, Roberto Balzani. "Nonostante la malattia lo tormentasse da tempo - ricorda Balzani -, nonostante i mille problemi di salute, dalla presidenza della Fondazione "Garzanti" ha saputo e voluto essere sempre protagonista del dibattito cittadino. E ci è riuscito".

 

"La sua storia è la storia di una generazione indimenticabile, quella dei ragazzi che fecero la Resistenza e poi ricostruirono il paese - afferma il sindaco -. Ad Angelo toccò in sorte, dopo la precoce crisi del centro-sinistra forlivese e la parentesi commissariale, di portare il Pci e la sinistra alla guida della città, inaugurando un "nuovo corso" denso di progetti e di riforme".

 

"La sua personalità forte indirizzò una stagione di trasformazioni che ancor oggi caratterizzano il profilo dell'Ente - ricorda Balzani -: la partecipazione, il welfare, l'apertura alle giovani generazioni. La sua amministrazione espresse un impulso modernizzatore paragonabile a quello degli uomini di Gaudenzi, ai primi del Novecento".

 

"Poi venne il Parlamento e la politica di più alto livello - ricorda il sindaco -, alla quale Angelo contribuì con la sua ironia, i suoi ragionamenti fuori dagli schemi, la sua pervicace capacità di seguire le vicende del Pci-Pds-Ds, fino al Pd, da individuo intellettualmente indipendente, pur nella fedeltà ai principi e ai valori di sempre".

 

"A me Angelo mancherà molto - ammette Balzani -: mi mancheranno la sua memoria, i suoi giudizi taglienti e anticonformisti, i suoi occhi mobili e attenti e, soprattutto, la sua inesausta passione civile. Con lui, se ne va davvero il prototipo dell'"uomo pubblico" nella sua accezione più alta e più nobile".

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -