Forlì, Movimento per la vita: "Prendersi cura della persona fino all’ultimo istante di vita"

Forlì, Movimento per la vita: "Prendersi cura della persona fino all’ultimo istante di vita"

FORLI' - L'incontro pubblico "Educati a rispettare la vita", tenutosi lo scorso 25 febbraio nella Sala Santa Caterina per iniziativa del Movimento per la Vita, del Centro di Aiuto alla Vita, dell'Associazione Medici Cattolici e dell'Associazione Medicina e Persona, ha riservato gli spunti migliori nella fase finale. Moderato dal presidente del Movimento per la Vita e coordinatore della Consulta delle Associazioni e dei Movimenti Laicali della Diocesi di Forlì-Bertinoro, Andrea Taddeo, si è dapprima dipanato sugli interventi programmati di Lucio Romano e Paolo Marchionni. Il professor Romano, ginecologo, docente all'Università "Federico II" di Napoli nonché copresidente del Comitato nazionale Associazione "Scienza e Vita", ha nettamente distinto il concetto di terapia da quello di cura.

 

"Non tutte le malattie sono guaribili, ma tutte le persone sono curabili". Il paziente, anche se gravemente ammalato e senza speranze, rimane fino alla fine persona con cui instaurare e mantenere un relazione. Ecco dunque che "la cura di un malato non si riduce ad un rapporto tecnico-amministrativo, ad una prestazione con tanto di somministrazione di farmaci, ma diventa un'arte morale". Il medico si fa carico di un'altra persona e l'assiste, instaurando una relazione e rimanendo al suo fianco per l'intero percorso terapeutico. "Badate bene - insiste Romano - che non sto tirando in ballo concetti dogmatici, ma principi deontologici, intrinseci nel ruolo del medico sin dall'antichità".

 

Paolo Marchionni, medico legale e vice presidente del Comitato etico Area Vasta Romagna, s'innesta subito sulle conclusioni di Romano: "Già il giuramento di Ippocrate imponeva che non si procurasse in alcun modo la morte ad alcuno". Duemila anni dopo lo scenario non è cambiato: l'ultima stesura del Codice deontologico italiano, risalente al 16 dicembre 2006, attesta infatti che "il medico cura l'uomo". Molti medici si sono ridotti a fornire una prestazione: occorre invece recuperare il concetto solidaristico, instaurando quella relazione benefica con il malato per condividerne cura ed effetti".

 

Dopo le testimonianze di Angela Fabbri e Manuela Maroni, concordi nel sostenere che "educare significa trasmettere ragioni di vita e di speranza", il dibattito finale ha portato la discussione su temi d'attualità, come il testamento biologico. "Secondo voi - chiede Romano ai presenti - fino a che punto un medico deve mettere in atto tutto ciò che il paziente chiede? Personalmente cerco sempre di decidere nell'interesse della persona e nell'ambito di quella relazione curativa che si è instaurata fra noi". Ne discende che una dichiarazione scritta, magari risalente a molti anni prima dell'evento impeditivo della libertà di scelta del paziente, non può essere vincolante per un medico.

 

Per il testamento biologico insorgono problemi anche sul fronte giuridico: "Tradurre il valore della libertà di scelta in una norma giuridica è oltremodo arduo, e la vita non è un bene disponibile, decido io quando farmi staccare la spina". Ricompare un fantasma, quello della povera Eluana Englaro: "Si trattava di una vita inusuale - insiste Romano - ma era vita, la donna respirava autonomamente e andava solo alimentata, e per un medico fedele al suo mandato, alimentare una persona inerte è eticamente doveroso".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Piero Ghetti

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -