Forlì, nomine Acer. I Verdi: "Che cosa avevano promesso a Buffadini?"

Forlì, nomine Acer. I Verdi: "Che cosa avevano promesso a Buffadini?"

FORLI' - "Le sorprendenti dichiarazioni di Buffadini a contorno di un esposto presentato in procura, ( non un ricorso al TAR, in Procura si denunciano reati ) ci propongono un quesito : quali promesse aveva avuto da determinare una reazione così? Sarebbe interessante sapere chi gliele aveva fatte. Certo che le garanzie dategli devono essere state davvero grandi : persino il mago Othelma, interpellato nelle ore precedenti la decisione dei sindaci aveva indicato il suo nome, lamentandosi di essere stato interpellato per un risultato già noto".

 

Lo dichiara la Federazione dei Verdi di Forlì-Cesena in una nota.

 

 "A meno che Buffadini non ritenga il suo curriculum così palesemente superiore a quello di tutti gli altri che ogni scelta diversa dalla sua persona non possa essere considerata altro che un imbroglio. Nello stesso tempo le sue dichiarazioni evidenziano un altro fatto : numerosi altri rappresentanti degli enti locali in società partecipate sono stati scelti al di fuori dei principi stabiliti nel programma che anche i verdi hanno sottoscritto. Hanno tutti la stessa tessera in tasca, come il nuovo presidente dell'Acer d'altronde, quella del PD".

 

"Crediamo che l'appartenenza a quel partito e non i curricula professionali - continuano i Verdi - sia il requisito fondamentale per essere nominati e pertanto , al fine di non fornire coperture alle correnti interne del PD per le loro spartizioni, proponiamo a tutti coloro che intendono presentare la loro candidatura di farlo solo se in possesso dell'unico titolo davvero necessario, assicurandosi di appartenere alla corrente maggioritaria".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -