Forlì, non paga operai in nero e se la prende con la Polizia: ''Difendete gli stranieri''

Forlì, non paga operai in nero e se la prende con la Polizia: ''Difendete gli stranieri''

Forlì, non paga operai in nero e se la prende con la Polizia: ''Difendete gli stranieri''

FORLI' - Si è indispettito con le forze dell'ordine perché a suo dire colpevoli di prendere le difese degli stranieri. Protagonista dell'episodio, avvenuto lunedì pomeriggio, un agricoltore sessantenne di Villagrappa. L'uomo aveva chiesto l'intervento della Polizia perché lamentava la presenza di due marocchini che lo stavano infastidendo. Sul posto sono intervenute le Volanti della Questura di Corso Garibaldi che hanno provveduto a spegnere la discussione.

 

I due extracomunitari hanno spiegato ai poliziotti di aver lavorato a giugno per l'uomo e di non esser stati pagati secondo quanto accordato. All'ennesimo rinvio, si sono così si era recati dal sessantenne per chiedere quanto spettava loro. I due stranieri non hanno né offeso né minacciato l'agricoltore. Ma quest'ultimo non ha gradito le pretese. Gli accertamenti hanno permesso di appurare che il sessantenne aveva sfruttato le mani dei due marocchini in nero.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A quel punto l'uomo ha reagito, sostenendo che la Polizia deve prendere le difese degli italiani e di proteggere gli stranieri. La vicenda si è conclusa senza denuncia. Ma sono in corso approfondimenti per l'impiego di manodopera in nero da parte dell'uomo.

Commenti (9)

  • Avatar anonimo di d_a_v_i_d_e
    d_a_v_i_d_e

    Ma cosa state dicendo...non si può sempre ragionare con la logica dello stipendio fisso garantito statale... Non trattandosi di una fabbrica dove l'operaio lavora in maniera continuativa per anni, è difficile che un lavoratore, italiano o straniero che sia, che magari ha lavorato due giorni, possa essere messo in regola... chi accetta di lavorare in nero è corresponsabile e non è obbligato ad accettare. E' ovvio poi che percepisce una paga maggiore proprio perchè senza tutela, non è corretto ma funziona così. All'agricoltore non conviene assumere stipendiati fissi, a meno che non si tratti di una grossa azienda, e comunque ne assume un numero inferiore al necessario, perchè se no ci rimetterebbe! Sta a vedere adesso che i furbetti che godono dello stato sociale sono i contadinii che percepiscono PENSIONI da FAME dopo anni di lavoro usurante! Non si tratta certo di medici che per una visita di 10 minuti intascano 100 Euro in nero! A questi se gli dai un dito si prendono il braccio...

  • Avatar anonimo di marcof
    marcof

    Marafone nel commento ha ragione "se uno chiama la polizia di solito pensa di avere ragione ... Mi sembra strano ..." ... Infatti l'agricoltore era certamente convinto di aver ragione! La Lega Nord insegna: la colpa è sempre del diverso, dello straniero, e la polizia deve difendere a tutti i costi gli italiani, anche se sfruttano il lavoro nero ed evadono il fisco! E questi extracomunitari certamente durante il lavoro potevano mangiare qualche pomodoro, pure la paga vogliono!?!?!

  • Avatar anonimo di Maximo
    Maximo

    Mi viene da ridere...per alcuni commenti...quindi secondo voi i colpevoli sono gli stranieri...siamo proprio a posto...questa dimostra com'è la mentalità della gente come voi che si lamenta degli stranieri...a me sinceramente da più fastidio un agricoltore sessantenne che per non pagare le tasse prende gente in nero, penalizzando me che le pago, visto che se il caro sessantenne avrà bisogno del pronto soccorso, o di altri servizi pubblici, non avendo contribuito dovrebbe pagarsi tutte le cure da solo, mentre invece userà tutto gratis anzi con i miei soldi. Senza lavoratori caro P.Kc. saresti un morto di fame, perchè se sei un imprenditore avresti fallito, quindi bisognerebbe pesare le parole, il mondo dei furbetti sta finendo. E secondo lui voleva fare del bene, no lui voleva guadagnare alle spalle di gente che non aveva di che mangiare, e visto che è tutto in nero e non esiste contratto non potete dire chi ha ragione e chi no perchè la paga pattuita non è scritta in nessun documento legale. Spero che un giorno qualcuno dei ben pensanti si trovi senza lavoro e che venga assunto in nero e che riceva la metà dei soldi promessi, per vedere quale sarebbe la reazione. Bisogna che vi svegliate!

  • Avatar anonimo di simy
    simy

    una mega multa al vecchio ..si merita solo questo per aver fatto il furbo!

  • Avatar anonimo di AD
    AD

    Lavoro nero significa mancata sicurezza per il lavoratore(non inps, non contributi versati, non inail) ma sopratutto abbassamento dei costi di produzione e evasione iva e irpef del datore di lavoro che ha quindi tutti gli interessi a continuare ad assumere manodopera in nero: siamo o no nel paese dei balocchi? Si deve avere paura di evadere il fisco per milioni? noooo. In Italia si è sempre andati in galera per il furto di una gallina, non per evasione fiscale(come in America) o per milioni di euro.

  • Avatar anonimo di P.Kc.
    P.Kc.

    Certo che pensava di avere ragione: gli aveva dato il lavoro, "gli aveva fatto del bene" e questi incontentabili volevano anche la paga. Che pretese! Certa gente è proprio incontentabile. "Questo insegna a non fidarsi poco degli stranieri". Ma io direi anche dei lavoratori in generale.

  • Avatar anonimo di d_a_v_i_d_e
    d_a_v_i_d_e

    Vedi cosa succede a fare del bene alla gente, dai da lavorare a chi non lo hai e poi ecco cosa succede, si finisce nel torto! Questo insegna a fidarsi poco degli stranieri.

  • Avatar anonimo di oOoOoOoOo
    oOoOoOoOo

    ma sto qua sta male !!! bah

  • Avatar anonimo di Marafone
    Marafone

    Mah ... se uno chiama la polizia di solito pensa di avere ragione ... Mi sembra strano ...

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -