Forlì, non solo strisce blu: gli ausiliari della sosta allargano le competenze

Forlì, non solo strisce blu: gli ausiliari della sosta allargano le competenze

Forlì, non solo strisce blu: gli ausiliari della sosta allargano le competenze

FORLI' - Da lunedì 24 maggio gli ausiliari del traffico del Consorzio ATR riprenderanno il controllo della sosta sul territorio forlivese con competenze non più limitate solo al parcheggio negli spazi blu (mancato pagamento della tariffa, pagamento effettuato in misura inferiore al dovuto, intralcio alla sosta agli altri veicoli negli appositi spazi) ma estese, in virtù di apposito decreto di nomina del sindaco, anche a tutte le infrazioni ricollegabili alla sosta nel territorio comunale.

 

Tra questi il divieto di sosta e di fermata, doppia fila, sosta sul marciapiede, in prossimità di intersezione, negli spazi riservati agli invalidi, nelle corsie e negli spazi riservati agli autobus, allo sbocco di passo carrabile.

 

La possibilità di applicazione dei suddetti articoli da parte degli ausiliari del traffico del Consorzio ATR viene riattivata, dopo un periodo di sospensione, in forza della sentenza della Corte di Cassazione, II° sez. civile, n° 22676/2009, che, riprendendo in considerazione il tema delle competenze degli ausiliari del traffico, ha chiaramente specificato che quelle del personale ispettivo delle Aziende di Trasporto Pubblico Urbano sono estese a tutte le ipotesi di violazione in materia di sosta.

Commenti (3)

  • Avatar anonimo di jjletho
    jjletho

    Se si vuole salvare sapro e chiudere il buco della ausl bisogna cercare soldi ovunque , visto ch le tasse non si possono alzare (fa male alla propaganda) aumentiamo gli introiti da multe. Se prima il valore di forli in multe era 3 milioni ora si passerà a 5 almeno, a questo punto diamo la possibilità agli ausiliari di dirigere il traffico e tutte le competenze dei vigili, tra un paio di anni chiudiami i vigili urbani e creiamo una polizia municipale privata. Io capisco che gli ausiliari controllino le soste a pagamento in quanto le gestisce atr ma il resto è suolo pubblico non dato in concessione. A parer mio non ha senso e forse è pure non legale. Spero solo che alle prossime elezioni quando Balzani si ricandiderà e tirerà le sonne del suo primo mandato non si dimentichi di inserire tra le cose da lui fatte anche questo.

  • Avatar anonimo di marinag
    marinag

    potranno anche multare chi sosta in zona a traffico limitato senza permesso, e ch sosta fuori dagli spazi autorizzati (vedi piazza morgagnii) e chi non rispetta i sensi unici e le zone a traffico limitato (annoso problema!)

  • Avatar anonimo di Roberto S
    Roberto S

    Spero che questa iniziativa ponga fine alla sosta in alcune zone (corridoni/Bolognesi/Due giugno ad esempio) dove le strade interne sono adibite a perenne parcheggio in ambo i sensi di marcia e il transito di auto, moto cicli e pedoni è diventato un sogno... Ho dovuto pagare per esporre un piccolo cartello per occupazione dello spazio pubblico... tutti questi signori che parcheggiano in modo selvaggio è giuto che paghino anche loro l'occupazione effettiva delle strade cittadine che mi risulta siano un bene ed uno spazio pubblico? Avanti Ausiliari, risanate il bilancio Comunale una volta per tutte!

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -