Forlì, nuovi incarichi all'Ausl: Emanuela Fiumana nuovo dirigente Igiene e Sanità Pubblica

Forlì, nuovi incarichi all'Ausl: Emanuela Fiumana nuovo dirigente Igiene e Sanità Pubblica

FORLI' - La Direzione generale dell'Azienda Usl di Forlì, nei giorni scorsi, ha deliberato il conferimento di due nuovi incarichi quinquiennali. Al dottor Alberto Zaccaroni è stata affidata l'"U.O. Chirurgia Endocrina", trasformata da struttura semplice a complessa, mentre la dott.ssa Emanuela Fiumana è stata nominata direttore della struttura complessa U.O. di Igiene e Sanità pubblica.

 

Il dottor Alberto Zaccaroni inizia il suo percorso nell'ospedale di Forlì nel 1980, nell'allora Divisione di Chirurgia Generale. Dal 1984 al 1985 è assistente medico di chirurgia generale presso la Divisione di Chirurgia generale dell'ospedale di Meldola, dove, nel 1985, entra di ruolo. Dal 1988, presta servizio presso la divisione di Chirurgia generale e toracica di Forlì, e svolge sia attività di chirurgia generale sia di chirurgia toracica, sino al 1996, quando viene creata un'unità operativa autonoma di chirurgia toracica. Nel 1992, inizia a occuparsi di videochirurgia e, nel 1996, estende le proprie competenze alla patologia endocrina, grazie anche all'impulso dato all'endocrinochirurgia dal prof. Antonio VioL'ampia casistica, con oltre 3.000 operati per tale patologia, porta il centro forlivese a divenire punto di riferimento nazionale.

 

Nel giugno 1998, il dott. Zaccaroni assume il modulo "Alta professionalità in endocrinochirurgia e tecniche mininvasive", in seguito alla specializzazione acquisita sia in chirurgia endocrina sia in quella laparoscopica, e alla consolidata esperienza in tecnica mininvasiva, con l'esecuzione anche di interventi in anestesia locale. Con l'arrivo alla guida della Chirurgia forlivese del dott. Domenico Garcea,  le tecniche laparoscopiche ricevono ulteriore sviluppo, venendo estese alla chirurgia endocrina. Nell'ottobre 2001, inizia l'attività di chirurgia videoassistita della tiroide e delle paratiroidi, che conta, a oggi, oltre 360 interventi, terza casistica italiana. In virtù del bagaglio di conoscenze maturate, scrive il capitolo "Chirurgia tiroidea videoassistita in anestesia locale", pubblicato all'interno del "Trattato italiano di endocrinochirurgia: tiroide, paratiroidi, surrene, pancreas". Insieme al dott. Garcea, sviluppa, inoltre, la chirurgia laparoscopica del colon, del surrene e dello stomaco. In tale ambito va segnalata, a partire dal 2005, la pratica della chirurgia robotica, evoluzione della laparoscopia avanzata. Inizialmente, il dott. Zaccaroni effettua interventi di colecistectomia e coadiuva nell'esecuzione di emicolectomia destra e di gastrectomia totale robotica. Poi, dal gennaio 2007, con l'acquisizione del sistema Da Vinci, il robot chirurgico viene usato settimanalmente, in particolare nella chirurgia di colon, stomaco, pancreas. Nel 2006, riceve l'incarico di responsabile della struttura semplice di endocrinochirurgia, e, nell'aprile 2008, quello di coordinatore del gruppo di chirurgia bariatrica, con all'interno endocrinologo, psichiatra, psicologo, nutrizionista, dietista, anestesista, pneumologo, gastroenterologo, cardiologo e chirurgo.

 

Il dott. Zaccaroni è inoltre autore di numerose pubblicazioni scientifiche ed effettua attività di docenza presso la Scuola Acoi (Associazione chirurghi ospedalieri italiani) di endocrinochirurgia, dove insegna chirurgia videoassistita di tiroide e paratiroide.

 

La dott.ssa Emanuela Fiumana è dirigente medico nel Dipartimento di Sanità Pubblica, U.O. Igiene e Sanità Pubblica dell'Azienda Usl di Forlì dal 1984, e dal 1988 ha un incarico dirigenziale con responsabilità nell'ambito dell'epidemiologia, profilassi e prevenzione delle malattie trasmissibili. Collabora con la Direzione del Dipartimento di Sanità Pubblica nell'individuazione degli obiettivi della programmazione annuale relativi al controllo delle malattie trasmissibili e alle politiche vaccinali; inoltre, è il referente aziendale per i rapporti tra Azienda Usl e Regione, per la sorveglianza delle malattie infettive, per il sistema di segnalazione rapida degli eventi epidemici e sentinella, per l'influenza, per la sorveglianza e controllo della tubercolosi e di altre patologie emergenti e da importazioni. Coordina sia la Commissione aziendale per le emergenze sanitarie e le politiche vaccinali, strumento individuato per sviluppare in ambito locale i piani sanitari nazionali e regionali e per assicurare le attività di competenza aziendale nell'ambito dei piani di risposta a emergenze e allerte sanitarie, sia il gruppo aziendale per la sorveglianza e controllo della tubercolosi.

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -