Forlì: occhi puntati alla sicurezza dei bambini sulla strada, con un convegno organizzato da Asaps

Forlì: occhi puntati alla sicurezza dei bambini sulla strada, con un convegno organizzato da Asaps

Forlì: occhi puntati alla sicurezza dei bambini sulla strada, con un convegno organizzato da Asaps

FORLI' - "Anche la strada dà un contributo alla violenza sui bambini". Così il presidente di Asaps, Giordano Biserni, spiega la scelta di dedicare un convegno nazionale proprio al tema "La sicurezza dei bambini in auto e sulla strada", un versante spesso trascurato della sicurezza stradale. Appuntamento il 7 giugno all'hotel Globus di Forlì. Ogni anno quasi 100 i bambini trovano la morte sulle strade e "la responsabilità è degli adulti, per disinformazione o incoscienza".

 

"È come se sulle strade fosse tornato re Erode - afferma Biserni - visto che ogni anno vi trovano la morte quasi 100 bambini. Nel 2006 (ultimi dati disponibili) si sono contate 50 vittime fra i trasportati. Sono stati invece 29 i bambini travolti come pedoni, 7 i piccoli ciclisti che hanno perso la vita. Mentre sono complessivamente circa 11mila quelli che riportano ferite, spesso con effetti permanenti". Ma sono poco rassicuranti anche i dati raccolti dall'osservatorio Asaps nei primi mesi del 2008.

 

" Il mancato o inadeguato uso del seggiolino (la normativa a riguardo è piuttosto complicata), il pirata della strada che investe un bambino: il re Erodse è sempre un adulto", continua Biserni.

 

Asaps ha intrapreso, negli anni, un lungo percorso iniziato con l'educazione nelle scuole e proseguito con la realizzazione di numerose inchieste pubblicate sulla rivista "il Centauro", oltre che sul sito www.asaps.it. "L'educazione stradale è fondamentale nelle scuole primarie, dove c'è una forte ricezione ed un'educazione di ritorno sull'adulto - sottolinea Biserni - altro punto imprescindibile la formazione degli adulti, con un accento forte sulla derivazione delle responsabilità, come del resto una sensibilizzazione dei decisori politici e amministrativi sull'organizzazione dei controlli su strada". Insomma per tutti: meno importanza all'aspetto puramente economico delle sanzioni per dare la precedenza alla salvaguardia della vita.

 

 

Proprio per fare il punto sull'evoluzione della norma della sicurezza dei bambini in strada e su come questo tipo di sinistrosità possa essere arginata, Forlì ospiterà i maggiori esperti italiani del settore. Moderati da Mauro Tedeschini, direttore della rivista Quattroruote. Ad aprire i lavori Giordano Biserni, il quale, dopo la sua relazione, lascerà la parola a personaggi del calibro di Balduino Simone, dirigente superiore della Polizia di Stato e direttore del Caps di Cesena, e di Enrico Finzi, presidente di Astra Ricerche e di TP. Ci saranno anche Antonino Galatà, direttore di Autostrade per l'Italia, e Sandro Vedovi, della Fondazione ANIA, mentre con Alessandro Mancini, sostituto procuratore della Repubblica di Forlì, i lavori evolveranno verso l'illustrazione della norma.

 

Ad Andrea Costanzo, presidente della Società Italiana di Traumatologia della Strada, e a Franco Taggi, direttore del reparto Ambiente e Traumi dell'Istituto Superiore di Sanità, il compito di chiudere la prima parte dei lavori, che riprenderanno nel pomeriggio con Luca Pietrantoni e Gabriele Prati, entrambi psicologi dell'università di Bologna, per avviarsi alla conclusione con Sabino Preziosi, medico del 118 Elisoccorso Romagna e con gli infermieri di area critica Simone Vasumi e Giordano Visani: il sigillo sulla manifestazione sarà apposto da una tavola rotonda alla quale siederanno i protagonisti del seminario.

 

Fra le tante autorità e ospiti che hanno garantito la loro presenza ricordiamo il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Carlo Giovanardi, il Vice Capo Vicario della Polizia prefetto Nicola Izzo e il Direttore del Servizio Polizia Stradale Antonio Giannella.

 

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Affronteremo temi statistici e di carattere legale - conclude Biserni - aspetti sociologici e legislativi, ma si parlerà anche delle regole che devono essere adottate dagli adulti, come i sanitari devono intervenire fino alla gestione di una notizia tragica, compito questo che tocca spesso alle forze dell'ordine".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -