Forlì, omaggio alle grindhouse alla Collina dei Conigli

Forlì, omaggio alle grindhouse alla Collina dei Conigli

FORLI' - Le Grindhouse erano teatri e cinema americani, in cui venivano proiettati film di exploitation, ossia film interessati in via quasi esclusiva alla dimensione commerciale. In quei cinema nacque un genere, l'expolitation appunto, con le sue tante declinazioni e sottogeneri: dai double feature (due spettacoli al prezzo di uno) ai midnight movie (i film della mezzanotte, solitamente horror), dalla blaxploitation (l'expolitation con protagonisti gli afro-americani) agli eco-terror (pellicole con animali aggressivi verso l'uomo)

 

Pur essendo nato come mero fenomeno di sfruttamento commerciale, il Cinema delle Grindhouse (che nasce addirittura negli anni '30, ma ha il suo apice tra gli anni '60 e '70), da cui passano registi del calibro di Croneneberg e di Lynch, rappresenta un laboratorio gravido di conseguenze per il futuro. Quentin Tarantino informa parte del suo cinema su queste pellicole e rende loro omaggio proprio con "Grindhouse - A prova di morte", il suo penultimo film (un dittico diviso con Robert Rodriguez, regista di Grindhouse - Planet Terror), in cui recupera in toto quell'estetica e quelle storie.

 

Schegge di cinema - viaggio in luoghi (più o meno) immaginari, è il percorso che Billy - Rivista Cinematografica, in collaborazione con Sunset (la cooperativa di produzione e promozione audio-video e comunicazione nata di recente a Forlì), presenta mercoledì 2 marzo alle 21 alla Collina dei Conigli, il pub del Parco Urbano di Forlì, con un primo appuntamento dedicato proprio al Cinema delle Grindhouse, a cui seguiranno altri due dedicati a Tarantino e al mondo di Jackie Brown. Tre appuntamenti divertenti e informali, per scoprire un cinema che non c'è più o che forse, invece, non c'è mai stato così tanto. L'ingresso è rigorosamente libero.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -